lost password?
Venerdì, 24.11.2017

Termina il Day3, Tv Table a 9, Bernaudo out 10° e Drammis chipleader
am Tuesday, December 3, 2013

Il Day 3 dell’IPT Grand Final al Casinò de la Vallée è ormai in archivio.

La giornata è iniziata con 64 giocatori e la bolla che doveva ancora scoppiare, infatti servono oltre tre ore di gioco prima che Andrea “Topkaias” Borea annunci lo scoppio della bolla dopo l’uscita di  Claudio di Giacomo che perde il coinflip decisivo contro Roberto Ghidini :Js: :Jc: per Di Giacomo e :Ad: :Ks: per Ghidinicon un :Ac: subito al flop e tutti In the money.

Durante la fase bolla da sottolineare le prestazioni maiuscole di Domenico Drammis, Eros Nastasi e Davide Costa che riescono ad incrementare notevolmente il loro stack grazie a molti piatti vinti uncontested.

Dopo lo scoppio della bolla si susseguono abbastanza velocemente le prime eliminazioni, primo ad uscire è Andrea Carini, seguito a ruota da un’altro top player e parliamo di Max Pescatori.

Per quanto riguarda i giocatori coinvolti nella classifica generale IPT nessuna speranza di migliorare la sua posizione per Federico Piroddi, che si deve accontentare di un 50° posto, stesso discorso vale per Maurizio Musso che lascia il torneo in 33^ posizione non riuscendo a vincere l’ultimo coinflip contro Eros Nastasi.

Poca fortuna per Irene Baroni che dopo il limp da UTG di Antonio Leotta pusha resti da BB con :Js: :9s: chiamata dallo stesso Leotta che mostra :Ax: :Qx: ed un full-house chiuso da Leotta al turn dopo che sul flop si era aperto, per la Baroni un progetto di scala. Poca fortuna anche per Roberto Begni, che esce dal torneo pushando resti cn :Ax: :Qx: da BB dopo un’apertura da BTN di Domenico Rao con :Ax::Ax:da BTN a 60.000 ed il call della baroni da SB ed il successivo call dello stesso Rao.

Nella fase post bolla c’è da segnalare la martellante pressione data al tavolo da Mauro Stivoli, che poi uscirà 13°, lo stesso vale per Eros Nastasi, che ad un certo punto del torneo, quando erano ancora una trentina di giocatoriai tavoli si ritrova chipleader con uno stack che gli avrebbe consentito l’accesso al tavolo finale.

Da segnalare anche la grande prestazione di Gianpaolo Eramo che, anche grazie alla formula accumulator, riesce ad accedere al Day3 con uno stack composto da 809.000 gettoni, e che non ha mai mollato una sola chips per strada, anzi ha continuato ad incamerarne con certosina costanza.

Ed ora poniamo anche un momento l’attenzione sulla classifica generale IPT, quella che mette in palio la drammis_cl_1sponsorizzazione per un anno nel circuito IPT durante la stagione 6.

Quando mancano 4 giocatori alla composizione del tavolo televisivo Antonio Bernaudo è sicuramente il favorito, ma ha necessità di non distrarsi evitando così la rimonta di Ivan Gabrieli e di Domenico Drammis (nella foto), parlando con Antonio ci diceva che per essere al sicuro deve inevitabilmente arrivare al tavolo finale per incamerare punti che gli diano la certezza matematica. Hanno invece il loro bel da fare Ivan Gabrieli e Domenico Drammis, che continuano ad incamerare chips. Domani, se arriveranno in fondo tutti e tre siamo certi di assistere ad un gran tavolo finale.

Non voglio dimenticarmi di un ragazzino che non sembra nemmeno maggiorenne, e che fa impensierire e sa mettere sotto pressione poker player molto piùesperti di lui; parliamo di Enrico Camosci e non dimentichiamo nemmeno Riccardo Lacchinelli, che in alcune occasioni si è ritrovato corto ed ha saputo risalire con calma la china, così come non possiamo dimenticare il ritorno di Davide Costa, che ha bullato il tavolo in fase bolla ed ha continuato a farlo proponendo, come suo solito, un poker aggressivo che gli ha dato ragione.

E’ sul finale di giornata che accadono le cose più incredibili, la prima è il “tuffo” di Enrico Camosci, che dopo un’apertura a 120.000 di Eros Nastasi, 3bett 280.000 e viene 4bettato da Domenico Drammis a 450.000, fold di Nastasi e push per oltre 2 milioni di Camosci che trova il call di Drammis, allo showdown Camosci :10s: :10h: e Drammis :Kh: :Kc: board bianco ed Camosci saluta il tavolo.

Il secondo, e più clamoroso, colpo di scena è quello che vede coinvolti Antonio Bernaudo e Davide Costa, con Bernaudo che pusha per 1.375.000 sulla 3bet di Costa, che chiama. Bernaudo mostra :Ks: :Qh: e Costa :Kc: :Kh: , il board non lo aiuta e Bernaudo è fuori dal final table, obbiettivo per poter vincere matematicamente la classifica.

Ora non resta che fare i conti, domani, per capire come potrà andare a finire e che verrà proclamato vincitore della Leaderboard.

Domani, a partire dalle ore 14 dal teatro del Billia Resort prenderà vita il tavolo finale, con Domenico Drammis chipleader.

Appuntamento a tutti a partire dalle 14.