lost password?
Sabato, 21.10.2017

Alessandro Piersigilli: Il pizzo tra passato e futuro.
am Thursday, January 9, 2014

A pochi giorni dalla chiusura del THE VENETIAN GAME CHRISTMAS EDITION poniamo alcune domande ad Alessandro ilpizzopazzo Piersigilli su quello che è stato, quello che è, e quello che a breve sarà.

Iniziamo questa intervista conoscendo il nostro interlocutore
alessandro-piersigilliAlessandro ilpizzopazzo Piersigilli entra nel mondo del poker nel 2006 come blogger di uno dei più importante siti italiani sul texas Hold’em (Assopoker.com). Racconta i più grandi tornei in giro per il mondo e le gesta dei players italiani. Suo il primo post durante la rapina dell’ept di Berlino, le sue foto fanno il giro del mondo e vengono riprese da tutte le più grandi testate giornalistiche. Dal 2007 collabora ai primi eventi al Casinò di Campione, collabora e poi organizza le prime 8 edizioni de La Notte degli Assi, collabora con Poker Las Vegas e il Domina Coral Bay all’organizzazione del Red Sea Poker Cup in Egitto fino al 2010. Dal 2011 è socio fondatore della Tilt Events, società che organizza eventi, e riporta il WPT in Italia, al Casinò di Venezia con cui la Tilt Events collabora per organizzare tornei di livello nazionale ed internazionale. Snai, Lottomatica, GD poker queste solo alcune delle room che si sono affidate alla Tilt Events per l’organizzazione dei loro eventi live.

Ora che abbiamo inquadrato Alessandro, vediamo cosa risponde alle nostre domande.

Pokerfirma – Si è appena concluso il venetiangame xmas edition, qual è il tuo bilancio ed il momento più bello di questa manifestazione?
Alessandro Piersigilli – Beh, il bilancio del THE VENETIAN GAME è sicuramente positivo, con un affluenza sopra ogni più rosea aspettativa, dimostrazione che questo evento piace, così come la nuova location e, perché no, merito anche dell’organizzazione.
Mi dispiace che non tutti abbiano potuto vedere ciò che è accaduto alla fine del day1D, dopo un estenuante giornata, l’intero staff, si è prodigato per sistemare le oltre 250 buste per il day2 e durante il redraw, ridevano, scherzavano ed erano con l’umore a mille, nonostante appunto le fatiche di giornata, dimostrazione di come sia così affiatato il nostro staff tutto, e con quale solarità si vive in Tilt Events, le cose sono andate bene ed è merito soprattutto loro.

Il 2013 ha visto Tilt Events crescere e confermarsi, qual è il segreto di questo successo?
L’affiatamento del gruppo, senza una fiducia reciproca e dei propri mezzi, non si va da nessuna parte, e noi siamo una piccola/grande famiglia, e chi entra si accorge di questo.

buttonFine anno è tempo di bilanci e “buoni propositi”. Come è stato il tuo anno e per cosa lo ricorderai?
Il bilancio 2013 sicuramente è stato positivo, di questo anno che va in archivio potremmo sicuramente ricordare, il Triplete di Galb Lepore, la vittoria al WPT di Rocco Palumbo, l’arrivo da ‘fantasma dell’Opera’ di Phil Hellmuth al WPT, il superamento dei 1.000 entries (1104 ndr) al Venetian, la vittoria di Mosca in HU con Zambruno alle PLS, e quella di Alessandro ‘bubukonan’ Fasolis alla Tilt Poker Cup.

E cosa invece vorresti lasciarti in fretta alle spalle?
Quello che abbiamo lasciato alle spalle è ormai, appunto alle spalle, e non amo guardare indietro, se devo dire, forse unico rammarico non essere riusciti a rifare La Notte del Poker, chissà…

Abbiamo già annunciato dalle nostre pagine un primo trimestre 2013 che vi vedrà molto impegnati. Che impegno richiede organizzare un WPT global?
Un WPT coinvolge decine e decine di persone nel suo insieme, una sinergia unica tra Tilt Events, Casinò di Venezia, WPT appunto e sponsor, siamo già al 4 anno, ed è sicuramente motivo di orgoglio per noi poter ospitare una delle manifestazioni più prestigiose del mondo.

Che obiettivi si pone Tilt Events per il 2014 e cosa dovremmo aspettarci di nuovo? Lo sanno tutti che non smetti mai di mettere nuovi progetti in cantiere.
chipsAppunto, siamo sempre ‘in cantiere’, pronti a sfornare eventi sempre nuovi capaci di attirare sia gli appassionati che i professionisti di questo gioco, ecco perché tra le novità del 2014 abbiamo a Febbraio la Pokeropoly Cup con buy-in da 1.100€, un torneo che dovrebbe regalare emozioni con tanti Poker Pro pronti a darsi battaglia e Pokerfirma a raccontarne le gesta, a metà gennaio proveremo anche un torneo low buy-in, il VENICE Poker Open in modalità Accumulator, vediamo che riscontro potrà avere tra gli appassionati. Per la seconda metà dell’anno stiamo lavorando ad alcuni progetti…

Durante il The Venetian Game abbiamo visto un gruppo di lavoro affiatato che anche alla fine di una giornata di lavoro devastante trovava ancora la forza di scherzare e sorridere. Ci confidi il segreto di un gruppo di lavoro così motivato?
Sono felice che ve ne siate accorti almeno voi addetti ai lavori che siete rimasti anche quando i players erano ormai lontani dai tavoli e che certe cose non le possono vedere, sono e siamo noi della Tilt Events, davvero felici ed orgogliosi di avere un gruppo di lavoro così valido, il segreto? Ogni nuovo componente riesce ad integrarsi immediatamente nel gruppo, riusciamo a farlo sentire parte integrante della famiglia Tilt, e questo aiuta tutto il gruppo a dare sempre il meglio di se.

Qual è il tuo desiderio personale più grande per il 2014?
Sono un maledetto sognatore, e per questo 2014, vorrei che si facesse chiarezza nel mondo del live, il 2013 secondo me è stato un anno di grossa bagarre, tutti smaniosi di sdoganare questa situazione così border line, ma finora sono state solo ‘chiacchiere al vento’, senza un chiaro regolamento dall’alto, non ci si può inventare nulla, nessuno. Per l’online invece sogno finalmente un apertura dei punto eu, per far finire questa ghettizzazione degli italiani, ed anche la fuga verso altri lidi dei bravi players italici.

Infine faccio gli auguri di buon 14 a voi dello staff e a tutti i lettori di Pokerfirma, e auguro a tutti scoppi solo a vostro favore!!! Ciauzzzz ci vediamo a Venezia con la Tilt Events… da protagonisti!!

 

legga anche questo articolo : Christian Caliumi: come ho vinto l’IPO13!
oppure questo articolo : PPT Saint Vincent, in archivio il Day1A