lost password?
Giovedì, 17.08.2017

Chan Pelton, una pesante leggerezza.
am Friday, February 28, 2014

L’epilogo della “leggerezza” fatta per Chan Pelton è per lui terribile. Ban a vita da ogni evento World Series Of Poker, il divieto di accesso a tutte le proprietà “Caesars”, la revoca del titolo di campione, la squalifica dalla leaderboard e la confisca della vincita ottenuta.

Chan-PeltonEpilogo amaro di una vicenda di inizio febbraio, era da poco finito l’evento #9 delle WSOP circuit, Chan Pelton, dopo aver trionfato nell’evento #2 bissa il successo nell’evento #9 vincendo così il suo terzo anello. Il trionfo lo entusiasma, esultanza, abbracci con gli amici, foto di rito con carte e anello in bella mostra, ma a quanto pare questo trofeo non gli basta, decide di prendersi un ulteriore souvenir e si mette in tasca una tournament chips del valore di 25.000.

Questa è la motivazione che accampa quando gli viene fatto notare il gesto dopo essere stato visto da un agente della sicurezza. Il gesto assume subito un peso enorme e diventa un caso in quanto è illegale  sottrarre “tournament chips”, qualsiasi sia il motivo. La motivazione non viene nemmeno presa in considerazione dal TD del torneo, la cosa principale è la sicurzza e il corretto svolgimento di ogni torneo e, siccome le chips del circuito sono tutte uguali, il gesto viene equiparato ad un tentativo di truffa.

Come tentativo di truffa viene anche giudicato e l’ufficialità della sanzione arriva attraverso un comunicato congiunto fra congiunto le WSOP ed il Palm Beach Kennel Club, casinò in cui si teneva l’evento e dove è avvenuto l’increscioso fatto.  Con la motivazione

“L’integrità dei nostri giochi è quanto di più importante ci possa essere e, di là dalle motivazioni, il furto di una fiches è un atto illegale. Speriamo che questo sfortunato incidente serva a ricordare a tutti che le chips sono di proprietà del casinò e devono sempre restare sul tavolo”.

Arriva anche la dura punizione per Pelton, la squalifica dalla leaderboard che lo vedeva in testa con ampio margine, la confisca dei 47.061$ della vittoria che verranno versati al runner-up del torneo ed il ban a vita da tutti le proprietà “Ceasers” e da ogni evento WSOP.  Pelton, da giocatore professionista, si vede chiudere in faccia moltissime porte e la sua carriera potrebbe subire un duro e forse irreparabile colpo, tutto questo per una leggerezza, sempre che di leggerezza si tratti…

legga anche questo articolo : MINI IPT: Franco Colombo un trionfo da 19.500 euro.
oppure questo articolo : IPT Saint Vincent, al via il Day1B