lost password?
Giovedì, 24.08.2017

EPT High Roller: Fabrice Soulier trionfa nell’edizione dei record
am Sunday, March 30, 2014

180 giocatori messi alle spalle, 392.200 euro incassati e appena 5 ore di tavolo finale, possono bastare per riassumere il trionfo di Fabrice Soulier, che a Vienna conquista l’edizione dei record dell’High Roller targato EPT. Per il francese quindi prosegue la striscia positiva che solo lo scorso ottobre lo aveva visto fermarsi in seconda posizione a Parigi nel main event delle WSOP Europe. Con questo successo Soulier porta il proprio bottino di vincite in carriera a ridosso dei 5 milioni di euro. In mezzo a tanti player dell’est europeo è il transalpino a prevalere nell’atto finale di questo High Roller, che ha fatto segnare il primato di 181 ingressi.  fabrice-soulier-winner-2[1]

Si ripartiva così al suono della sirena

Dmitry Yurasov 1866000
Benny Spindler 1814000
Anatoly Filatov 1555000
Vitaly Lunkin 1174000
Fabrice Soulier 1075000
Jonathan Duhamel 690000
Oleh Okhotskyi 362000
Rasmus Agerskov 278000
Fady Kamar 238000

Il primo ad abbandonare la sala era niente meno che il team pro Pokerstars Jonathan Duhamel. Il campione del mondo 2010, con coppia di 9 sbatte su 10-10 di Yurasov. Un :10s: al flop chiude subito i giochi, relegando al nono posto il canadese per 39.800 euro. Poco dopo arriva un allin a tre davvero pazzesco. Lunkin con QQ partirebbe avanti a AK di Yurasov e AJ di Kamar. Il board è una rincorsa all’ultimo respiro. K-3-10-9-J. Yurasov crolla sotto il mezzo milione di chips, Lunkin fa triple up, mentre Fady Kamar saluta all’ottavo posto per 48.050 euro.

Si chiude al settimo posto invece la giornata di Benny Spindler. Nonostante partisse con il secondo stack, il vincitore della tappa dell’EPT di Londra dell’ottava stagione, non riusciva a far decollare il proprio torneo, sbattendo con AQ su AK di Lunkin. Incassa 66.350 euro. Passano poche mani e perdiamo al sesto posto Rasmus Agerskov che con Q10 soccombe a A5 di Yurasov. A Agerskov vanno 91.150 euro.

Rimasti in cinque, la successiva eliminazione riguarda il chip leader di inizio giornata Dmitry Yurasov. Il suo torneo arriva al capolinea, quando non vince il coin flip contro Anatoly Filatov. Q10 vs 66 vede tenere la coppia del rivale e per Yurasov è il momento di passare dalle casse per ritirare 118.650 euro. Filatov si prende l’onere di estromettere al quarto posto Vitaly Lunkin, il quale partirebbe anche avanti con A8 vs A7. Ma un :7c: face card lo costringe alla resa per 148.800 euro.

Rimasti in tre, il gioco rallenta inizialmente, ma poi Oleh Okhotskyi decide di muovere allin con A5 trovando il pronto call dello scatenato Filatov con A7. Nessun aiuto dal board e l’ucraino oltre alla medaglia di bronzo intasca pure 182.500€. Può quindi iniziare il testa a testa finale che vede Fabrice Soulier in testa con 5.775.000 chips contro i 3.650.000 gettoni di Filatov. Quest’ultimo prova a ricucire le distanze ma dopo quasi un’ora di head’s up si arriva all’epilogo. Filatov muove allin con K10 subendo il call del francese con A5. Asso alta può bastare lungo tutto il board e per Soulier è il momento della festa. Filatov è runner up per 265.200 euro mentre Fabrice si gode la picca e soprattutto l’assegno da 392.900 euro.

Questo il payout del torneo.

1 Fabrice Soulier FR 392,900
2 Anatoly Filatov RU 265,200
3 Oleh Okhotskyi UA 182,500
4 Vitaly Lunkin RU 148,800
5 Dmitry Yurasov RU 118,650
6 Rasmus Agerskov DK 91,150
7 Benny Spindler DE 66,350
8 Fady Kamar LB 48,050
9 Jonathan Duhamel CA 39,800
10 Jose Carlos Garcia 33,700
11 Alex Bilokur 33,700
12 Robin Ylitalo 29,250
13 Jens Lakemeier 29,250
14 Jonas Kronwitter 26,600
15 Jonathan Karamalikis 26,600
16 Simon Ravnsbaek 23,950
17 Theo Jorgensen 23,950
18 Ihar Soika 21,300
19 Steven Lewzey 21,300
20 Ismail Erkenov 21,300
21 Patrick Sacrispeyre 19,500
22 Alex Roumeliotis 19,500
23 Samir Moukawem 19,500
24 Ivan Soshnikov 17,750
25 Sam Trickett 17,750
26 Alex Klimashin 17,750
27 Alexander Dovzhenko 17,750

legga anche questo articolo : Nuovo livello
oppure questo articolo : Cambio Livello