lost password?
Giovedì, 24.08.2017

Federico Truglio è il nuovo Remida
am Tuesday, November 12, 2013

re-mida[1]La quinta edizione del Remida DEEP,  andato in scena questo week-end al casinò Perla di Nova Gorica, se la aggiudica Federico Truglio che riesce a mettersi alle spalle i 16 giocatori approdati assieme al lui al final day e a mettere le mani sul primo premio di 32.000€. Cristiano D’Attile e Matteo Diana occupano gli altri due gradini del podio.

In 17 hanno iniziato il final day, ognuno di loro con diverse motivazioni e con diverse speranze, ma tutti cercando la scalata che li portasse ad alzare il trofeo e ad incassar il primo succulento premio di 32.000€, la corsa termina però subito per Fabio Remotti, Ferdinando Amorelli, Monica Vitali e Elvis Zefi. A ruota devono abbandonare il torneo anche Thomas Ferrari e Nicola Orfellini e in men che non si dica, dopo nemmeno due ore di gioco, si arriva al primo momento di tensione della giornata, siamo in bolla final table, è qui che la sorte non è amica di Rocco Di Stasi, infatti spilla QQ e spera fortemente nel raddoppio dopo che il suo stack si è pian piano eroso, sulla sua strada trova però Ales Miklavzin con AA che si aggiudica il colpo consegnando agli annali il Final Table di questa tappa. Miklavzin, oltre al torneo ha in mente anche la classifica generale, infatti una sua  ottima prestazione, che significa aggiudicarsi almeno il podio, gli consentirebbe di volare al primo posto della leaderboard generale.

final-table-remida-deep-V

Il Final Table è da subito vivo, nessuna remora e nessun pudore da parte dei giocatori a caccia dei premi più succosi, sulla strada che porta alle posizioni che contano inciampa forse troppo presto Edo Ottaviani che deve accontentarsi della decima piazza, il nono posto se lo aggiudica Stefano Gasperini e subito dopo di lui esce di scena Valerio Cattini, il torneo sembra corra veloce, ed è così sino all’eliminazione di Giovanni Glessi, dopo che lui abbandona il torneo però si ha un rallentamento considerevole e per alcuni livelli non accade più nulla di veramente significativo.

Su tutti, così come nelle precedenti giornate di gara, Paolo Camerotto fa il bello ed il cattivo tempo ed è lui infatti a sbloccare la situazione di stallo che si è creata eliminando un Marco Rossi molto combattivo ma destinato ad accontentarsi della sesta posizione. Alle sue spalle, al 5° posto, esce di scena Ales Miklavzin e per lui l’amarezza è doppia, a meno di avere sorprese con la pubblicazione delle classifiche, la sua quinta piazza non gli è sufficiente per aggiudicarsi il primo posto scavalcando Andrea Torri nella classifica generale.

Cristiano D'Attile - Federico Truglio - Matteo Diana

Cristiano D’Attile – Federico Truglio – Matteo Diana

Quando il torneo sembrava oramai indirizzato verso un finale scontato, Paolo Camerotto, che guidava indiscusso il torneo, attraversa il momento più devastante del suo week-end pokeristio e passa dall’avere quasi il doppio della  somma delle chips dei sue tre avversari ad uscire in quarta posizione. Prima un raddoppio concesso a Federico Truglio e poi un bluff non riuscito sempre sullo stesso giocatore lo condannano al cucchiaio di legno lanciando in orbita proprio Federico Truglio.

 

Il torneo è oramai segnato, la differenza di stack è abissale, Truglio infatti si presenta a tre left con oltre 26 milioni di chips delle 33 milioni in gioco e in poche mani elimina prima Matteo Diana e in HU Cristiano D’Attile alzando così il trofeo ed incassando felice il primo premio.

legga anche questo articolo : ICOOP al capolinea!
oppure questo articolo : Caribbean Poker tour, terminato anche il Day1B