lost password?
Venerdì, 24.03.2017

Guy Lalibertè vittima di collusion?
am lunedì, maggio 12, 2014

Stando ad un’intervista rilasciata da Guy Lalibertè a Le Journal de Montreal il fondatore del Cirque du Soleil si è lamentato di essere stato vittima di collusion mentre giocava online partite cash game high stakes su Full Tilt Poker e di aver perso milioni di dollari contro i grinder professionisti, che facevano la fila pur di giocare contro di lui.

Un utente di 2+2 che risponde al nickname di Twooopair, per cercare di facilitare la comprensione della denuncia di Lalinertè al portale canadese di lingua francofona sostiene che:

laliberte_1Guy Lalibertè sta sicuramente parlando di collusion. Facendo luce sui dettagli spiega che un paio di giocatori di Full Tilt Poker non hanno utilizzato denaro reale per giocare contro di lui, bensì del denaro virtuale.

Grazie a questo accesso a fondi “virtuali” ed illimitati ha fatto si che potessero spingere costantemente nelle partite contro Lalibertè, mettendolo in condizione di dover decidere di andare allin praticamente ad ongi mano.

L’idea della collusion nasce dalla frase “ils se mettaient à deux, trois”, che significa che 2-3 giocatori giocavano insieme spingendo molto le azioni e costringendo più volte a finire ai resti, in un tipico Squeeze multi-raises.

Alla domanda di Dany Bouchard (il giornalista di Le Journal de Montreal ndr) su quale fosse stata la sua spesa più folle Lalibertè non ha parlato dell’investimento faraonico per andare nello spazio, ma ha dichiarato che la spesa più folle sfosse stata quella relativa al poker online. Ovviamente Lalibertè non lamenta il fatto di aver perso denaro, quanto di essere stato vittima di un piccolo gruppo di professionisti che giocavano sistematicamente in collusion contro di lui“.

Già nel 2011 Mike “the mouth” Matusow ha affermato che diversi players costringevano all’allin Guy Lalibertè quando si trovavano al tavolo con lui, così come dichiarazioni simili le ha fatte anche Mike Johnson.

Il rovescio della medaglia, però, porta il nome di un PPP canadese che risponde al nickname di Haralabos Voulgaris che ritiene che le affermazioni di Lalibertè siamo “il caso di una persona con un forte ego, imbarazzato per aver perso una fortuna giocando online e che con questo tentativo cerca di salvare la faccia”. Haralabos  sostiene di aver giocato oltre 100 sessioni live contro Lalibertè rincara la dose “Lalibertè in fondo è stato un grande perdente fin dalla sua prima settimana su Full Tilt Poker questi ragazzi, quindi, non stavano giocando con soldi virtuali illimitati, bensì stavano utilizzando le centinaia di migliaia di dollari che lo stesso Lalibertè aveva perso contro di loro”.

Ora restiamo in attesa delle risposte che Guy Lalibertè vorrà dare a Haralabos Voulgaris ed a tutta la comunità pokeristica, certo è che le perdite, a poker, stimate del patron del Cirque du Soleil superano abbondantemente i 26 milioni di dollari. Che Haralabos abbia ragione?