lost password?
Domenica, 21.01.2018

Holidays with Hellmuth: la maledizione di AK per Phil, nel cash game di Poker After Dark
am giovedì, dicembre 21, 2017

Un’altra puntata andata agli archivi per “Holidays with Hellmuth”. Lo speciale format del Poker After Dark dedicata a Phil Hellmuth, ha vissuto la notte dedicata al cash game. Una puntata non facile per “The Poker Brat” che non è certo uno specialista delle partite high stakes cash game. Il 14 volte campione alle WSOP si è imbattuto nella “maledizione” di A-K per due volte. Nella prima occasione ha foldato preflop e sul doppio board avrebbe vinto. Nella seconda folda A-Q schivando il dominio del “Big Slick” con asso a terra. 

Che sportellate ad Hellmuth 

La seconda delle tre serata dedicata a Phil Hellmuth prevedeva una spettacolare partita di cash game high stakes: blinds $100-$200 e 20.000 dollari di partenza per tutti e 7 i giocatori. Rispetto alla serata precedente, al fianco del player di Palo Alto sono confermati solo Dan Shak e il produttore di Hollywood Randall Emmett. Si gettano nella mischia per completare il field anche Avi Freedman, Rick Thompson, Zach Hyman e David “Doc“ Sands. Come detto non è stata un viaggio di piacere per The Poker Brat. Negli highlights di Poker GO (le puntate integrali saranno diffuse solo nei primi giorni del nuovo anno), vediamo Hellmuth foldare A-K preflop dopo una 4bet allin di Thompson con Q-Q e la 5bet di Dan Shak con 10-10.

Phil Hellmuth

I due giocatori optano per un doppio board e in entrambi casi avrebbe vinto Phil Hellmuth: asso al river sul primo board e asso al turn sul secondo. Le telecamere non perdono occasione per inquadrare il volto gelato del 14 volte campione alle WSOP. Nell’altra mano invece, Hellmuth si trova a giocare con A-Q e asso al flop. Thompson con A-K lo mette ai resti e dopo un lunghissimo siparietto Phil passa la sua mano. Questa sera spazio all’ultima puntata dove si torna alla modalità “Sit&Go” con un buyin di 25.000 dollari. Insieme ad Hellmuth ci saranno anche  Daniel Negreanu, Antonio Esfandiari, Maria Ho, Joe Marchese e Dave Penski. 

Il fold di AK

Hellmuth si salva con A-Q