lost password?
Venerdì, 24.11.2017

Il presidente del EPT Edgar Stuchly al telefono con Pokerfirma
am Friday, December 13, 2013

La redazione di Pokerfirma.com aveva un paio di domande da sottoporre ad Edgar Stuchly e lui ha trovato il tempo di concedere una intervista telefonica. Le risposte di Stuchly sono veramente interessanti. Buona lettura!

edgar_stars
PokerFirma: Perchè nella stagione 10 troviamo un EPT a Vienna e nessun EPT Berlino?

 

Edgar Stuchly: L’organizzazione di un EPT è in ragione delle dimensioni che abbiamo raggiunto un compito fondamentalmente molto complesso, in cui bisogna necessariamente tener conto di un numero infinito di fattori che devono essere presi in considerazione e messi insieme. Per Berlino quest’anno mancavano le condizioni di fattibilità e per questo lo spostamento a Vienna. La città e famosa nel mondo, facilmente raggiungibile, un’offerta di Hotel e gastronomica di primissimo livello e naturalmente anche dal punto di vista culturale ha molto da offrire. Con il Hofburg  abbiamo trovato una location unica al mondo, cornice perfetta per quello che l’EPT ha da offrire. Oltre a ciò con Peter Zanoni ed il gruppo CCC abbiamo un partner di esperienza al nostro fianco.

 

PokerFirma: L’EPT di Vienna si disputerà anche nel 2015?

 

Edgar Stuchly: In questo momento non sono in grado di rispondere a questa domanda. Noi ci concentriamo in primis sulla prossima manifestazione e faremo tutto quello che è nelle nostre possibilità per regalare ai nostri giocatori la migliore esperienza pokeristica possibile. Alla fine sarà come sempre il feedback dei nostri giocatori ed il numero dei partecipanti a far pendere la bilancia da un lato o dall’altro.

 

PokerFirma: Cosa ci dobbiamo aspettare per l’EPT di Vienna 2014?

 

Edgar Stuchly: Vi saranno disponibili 100 tavoli da poker che serviranno a garantire un’offerta molto ampia di tornei con molte varianti con Buy-ins che andranno da 110 € fino a 10.000 €; oltre a ciò non mancherà il Cash Game dalle ore 12 fino alle ore 4.30. Stiamo elaborando un’offerta gastronomica di primissimo livello in modo che ai nostri giocatori non manchi veramente nulla. Anche ai tavoli il servizio sarà impeccabile ed oltre a ciò ci stiamo assicurando che il ristorante presente all’interno del Hofburg abbia dei prezzi ragionevoli. Naturalmente attraverso il EPT Concierge Service offriremo anche un numero considerevole di attività parallele a quella pokeristica in modo che i giocatori possano conoscere e godersi a pieno la città. Vienna ha molto da offrire dal punto di vista culturale, culinario e della vita notturna. Naturalmente non macherà un “mega Players Party” e ci sarà una particolare attività per la EPT 10 Celebrations. Cosa di preciso non voglio ancora rivelarlo per non sciupare la sorpresa – ma vi prometto che a Vienna vi offriremo un pacchetto completo pressochè perfetto.

 

PokerFirma: Per molto tempo si è pensato che non ci sarebbe mai più stato un EPT a Vienna. Edgar Stuchly ha realizzato in questo modo un personalissimo desiderio personale?

 

Edgar Stuchly: Naturalmente mi fa piacere che a Vienna con la location del Hofburg e Peter Zanoni come partner abbiamo creato le premesse ideali per realizzare una manifestazione perfetta. Per i nostri giocatori tentiamo sempre di trovare i posti più belli e le migliori location per offrire la più completa Player-Experience possibile. Importante è l’opinione dei giocatori e non quella del presidente. Nonostante questo non posso tuttavia che essere orgoglioso. Sono soprattutto felice che circa 2.500 giocatori da più o meno 70 nazioni diverse potranno godersi la famosa ospitalità austriaca e l’altissima qualità dei servizi. Oltre a ciò non bisogna dimenticare che l’EPT nel frattempo dà un appporto non indifferente all’economia regionale. I nostri partecipanti in undici giorni a Vienna generanno un fatturato tra sette e dieci milioni di euro solo con i pernottamenti in Hotel, la gastronomia e lo shopping.

 

PokerFirma: Grazie per la chiaccherata.

Edgar Stuchly: Sempre un piacere.

Fonte esclusiva: www.pokerfirma.com

Traduzione: Pokerfirma Redazione Italia