lost password?
Martedì, 25.07.2017

Il ReMida è donna. Vince Jenica Mirela Elisei
am Wednesday, July 9, 2014

La quarta tappa del Remida Deep, manifestazione pokeristica organizzata da Shark Events in collaborazione con 3betgame, giunge al termine. Dopo 4 giorni di gara, dopo che 265 giocatori si sono alternati ai tavoli, a trionfare è Jenia Mirela Eisei e la notte diventa Rosa nella Poker Room del hit hotel e casinò Perla di Nova Gorica.

In 265 hanno scelto il Perla come location per trascorrere questo primo weeek-end di luglio e già dagli 87 ingressi del day 1A si era capito che in moltissimi avevano rinunciato ad una spiaggia sfollata o ad una cima alpina per sedersi al tavolo da poker e cercare di aggiudicarsi la corona del RaMida.

jenica mirelaGli naturalmente amici non mancano mai, infatti Fabio Scepi , Mimmo CuzzucoliEnzo PinMauro SussanYlli IslamaySemir BoubirMichele Leghissa, Matteo ImpagliatelliDiego Caserio, Mitja Rudolf, Samir Boubir,Devide RodaSimone GiampaoloTommaso Badas, Francesco PerrupatoClaudio CafarellaMarko Mikovic, Roberto Roberti, Mauro Ghisoni e Filippo Etna della 3BETGAME non si fanno desiderare e sin dal primo giorno di gara presenziano il main event.

Alla fine del primo giorno di gara, degli 87 entries, 32 hanno ancora stack e possono riporlo in cassaforte ed attendere lo svolgersi della giornata successiva per sapere tutto si chi sarà a sfidarli sulla rotta della vittoria finale. Il più interessato è decisamente Diego Caseario, che chiudendo al comando del primo chipcount con 490.000 chips, attende fremente che il gioco riprenda sperando che la “magia” che l’ha accompagnato nelle prime ore di gioco non lo abbandoni nel mentre. Più in basso, molto più in basso si piazza Jenica Mirela Elisei, 29å con 88.5000 chips.

Il day 1B è quello che risulterà più importante, il numero degli ingressi sale esponenzialmente andando a fermarsi a 178 unità, le chips in gioco diventano milioni ed il loro rumore è il sottofondo di tutta la giornata. A muoverle anche in questa seconda giornata molti player che frequentano abitualmente il circuito.  Tra chi ci prova e chi ci ritenta dopo l’eliminazione nel day 1A, si scorgono i volti di Claudio Cafarella, Nicola Giberto, Filippo Etna, Giuseppe Scollo, Francesco Perrupato, Patrick Piccirilli, Matteo Tranchina, Mauro Bressan, Stefano Gasperini, Massimiliano Mangoni, Luca Trotta, Stefano Cardinale, Matteo Impagliatelli, Elena Linda Rusu, Monica VitaleDragan ZaricAles Marcic e Rudolf Mitja.

ReMida Deep luglio 2014

Più sono gli entries, più sono le chips in gioco, più diventano grandi gli stack man mano che i players vengono eliminati, ed in questo secondo day 1 di player out ne arrivano parecchi, tanto che alla fine del tempo utile solamente 58 giocatori strappano il pass al day 2, su questi domina Maurizio Tosto che si crea un capitale di 734.00 chips, seguito da Giuseppe Felice (640.500) e Filippo Giunti (467.000).

Visto che la matematica non è una opinione, sono 90 i giocatori a contendessi la vittoria che si ripresentano nella poker room del Perla nel primo pomeriggio di domenica 6 luglio 2014 per dare vita al day 2. La giornata corre via tra short che escono di scena e colpi imparabili fra monster stack. Il ritmo è sempre incalzante sino alla zona bolla, dove 22 giocatori andranno a premio, e che subisce uno stop al gioco. Il rallentamento è fisiologico, nonostante l’ora non sia troppo tarda, da poco si è superata la mezzanotte, i giocatori restano aggrappati alle sedie con le unghie e con i denti sino a che Andrea Barone e Maurizio Guzzardo  non si scontrano, il primo vince il colpo e Maurizio esce, per lui l’amarezza di abbandonare il posto mentre attorno a lui il capannello dei player rimasti scoppia in un applauso per il primo obiettivo raggiunto.

Sono rimasti 22 giocatori ed al comando del chipcount è balzata Jenica Mirela Elisei, che dopo aver iniziato la giornata nella parte bassa del chipcount, ha preso in mano il suo destino ed ha saputo mettersi alle spalle la decine di giocatori e davanti a se migliaia di chips. Solo sul finire della giornata lascia il primo posto ad Andrea Barone. Il tempo è finito, 13 giocatori sono rimasti in gara.

Jenica Mirela EliseiQuesti 13 tornano lunedì per il final day. Oramai una sola cosa conta, vincere. Ci deve rinunciare subito Alec Dallan che alla prima mano incappa nell’eliminazione. Giovanni Caruso e Filippo Giunti sono le altre due vittime perché venga composto il final table. Qui è Mirela a fare il bello ed il cattivo tempo, privano tutti a metterle i bastoni fra le ruote ma lei iìno inciampa e corre verso la vittoria, Alessandro MonticcioloMarko Tabak , rispettivamente terzo e secondo, possono solo osservarla salire sul più alto gradino del podio a festeggiare quella che risulta essere una meritata vittoria in rosa.