lost password?
Lunedì, 23.10.2017

Las Vegas, strage al Mandalay Bay: uomo spara sulla folla, Bilzerian salvo per miracolo
am Monday, October 2, 2017

Una strage che continua ad aggiornarsi minuto dopo minuto. 50 morti e 200 feriti il primo bilancio ufficializzato dalla polizia di Las Vegas, dopo che un uomo ha iniziato a sparare sulla folla ad un concerto country al Mandalay Bay Casinò & Hotel. Cinque minuti di fuoco senza sosta con la sua arma da fuoco (una mitragliatrice probabilmente) ed ecco una delle strage più brutali che si siano mai viste a Las Vegas. Fra coloro che sono riusciti a fuggire anche Dan Bilzerian. 

Aggiornamento ore 12.45: Identificato il Killer, è caccia alla convivente 

La polizia di Las Vegas annuncia che non si tratta di un atto terroristico ma dell’azione di un lupo solitario. “A questo punto non consideriamo la sparatoria un atto di terrorismo”. Resta da chiarire il movente, anche se da più parti si vocifera di un odio viscerale dell’uomo verso il presidente americano Donald Trump.  Il killer, un uomo bianco di 64 anni, è Stephen Paddock. Era residente a Las Vegas e in questi momenti le indagini sono concentrate sulle ricerche di Mary Lou Danley, una donna asiatica che avrebbe legami con l’aggressore. 

Per quello che sappiamo al momento, vivono nella stessa casa” riferisce ancora lo sceriffo. Oltre alla donna, la polizia di Las Vegas sta cercando due auto, una Hyunday e una Chrysler Pacific, registrate a nome dell’autore della sparatoria. Dunque ci sono buone possibilità che la donna si sia data alla fuga. Posti di blocco sono stati formati alle uscite della città, mentre sono state diramate le targhe e l’identikit della convivente. (seguono aggiornamenti)

I Fatti 

Al Mandalay Bay era in corso al 32° piano un concerto country che aveva richiamato un numerosissimo pubblico. Alle 22.30 locali un uomo (che si scoprirà poi residente a Las Vegas) apre il fuco all’impazzata sul pubblico e lascia a terra 50 persone uccise e almeno 200 feriti. Ma il bilancio purtroppo è destinato ad aggravarsi. Per 5 minuti è stata una pioggia di fuoco e proiettili sparata senza sosta, poi la polizia in qualche modo è riuscita a neutralizzare il killer uccidendolo. Non si esclude al momento nessuna matrice per questo vile attentato, anche se negli USA non è la prima volta che una persona accede liberamente alle armi e fa fuoco sui civili. 

Il pubblico che cerca riparo durante la sparatoria

La vendita di armi libere insomma ha già causato in passato altre stragi (soprattutto nelle scuole). Però per Las Vegas si tratta del primo massacro e mai si era vista così tanta follia. A testimonianza di questa ipotesi, la polizia di Las Vegas una volta ucciso il killer ha scoperto nella camera dell’uomo un arsenale da guerra. E questo la dice lunga anche sui controlli quasi inesistenti. Una cosa che stona e non poco in un periodo di così massima allerta per tutto il mondo occidentale. 

Ufficialmente l’uomo ha fatto tutto da solo, ma secondo alcuni media locali la polizia sta cercando una donna di origini asiatiche che è stata vista in compagnia del killer nelle ore precedenti alla strage. La Poliza sembra che stia passando al setaccio le immagini delle telecamere del Mandalay Bay per avere un chiaro identikit della donna. Fra coloro che si sono salvati dal massacro c’è anche il noto Dan Bilzerian che nella fuga è pure riuscito a girare un video con il telefono per poi postarlo su Twitter. Situazione simile per il noto pro Dan Fleyshman. (Seguono aggiornamenti) 

I video: