lost password?
Domenica, 20.08.2017

Non solo Las Vegas, alla scoperta del poker USA
am Friday, April 11, 2014

In Italia ci sono molti giovani e meno giovani grinder che pensano di migrare all’estero per poter accedere alle poker room che nel nostro Bel Paese non sono accettate in quanto mancano di licenza AAMS, e per molti grinder che pensano all’estero pr giocare online sicuramente ci sono anche molti rounders che sognano Las Vegas, con i suoi tavoli cash game, per costruirsi un solido bankroll, e diventando quindi dei professionisti.

Ma a discapito di quanto si possa pensare non è Las Vegas la patria del poker a stelle e strisce, è uscito infatti in questi giorni su Cardplayer.com un’ottima inchiesta che cataloga le 5 migliori località Americane dove poter intraprendere la carriera di giocatore professionista.

Mayland-Live-hsFacendo un analisi dell’offerta di gioco, la nota testata specialistica, evidenzia che in queste 5 città, in una sera qualsiasi della settimana è possibile scegliere fra oltre 500 tavoli cash $1 – $2 o $1 – $3, oltre a circa 150 tavoli cash ai limiti $2 – $5 mentre una cinquantina sono i tavoli $5 – $10 , e poco più di una decina i tavoli ai limiti $10 – $20, con un aumento superiore al 25% durante i fine settimana.

Per gli amanti degli high-stakes (non dovrebbe essere il caso del giocatore che vuole intraprendere la carriera da PPP) i tavoli il cui limite è $200 o superiore, che partano con assoluta regolarità, si trovano in solo 15 casinò in tutti gli Stati Uniti e la maggiore concentrazione la si trova nello Stato del Nevada ed in quello della California, le migliori partite le si possono trovare al Borgata, al Parx Casino, al Commerce Casio, all’Aria ed al Bellagio.

Mentre per quanto riguarda gli mid stakes con limiti da $25 – $50 fino al massimo di $100, si possono trovare regolarmente nei casinò di Las Vegas, Atlantic City e Los Angeles.

Per gli amanti del cash game low-stakes PLO si possono trovare con regolarità in tutte le sale da gioco degli Stati Uniti, ma per chi cerca il limiti da $5 – $10 in su l’unica soluzione possibile è quella di recarsi al Commerce Casino di Los Angeles.

Sono dieci gli Stati dove è possibile giocare a poker e precisamente:

Connecticut:

In Connecticut hanno sede due soli Casinò, il Foxwoods ed il Mohegan Sun, che distano solamente dieci miglia l’uno dall’altro.

Il Mohegan Sun ha una poker room che mette a disposizione dei giocatori 42 tavoli, fra cash game e torneo, mentre il Foxwoods mette a disposizione 104 tavoli.

Entrambe i due casinò offrono partite di cash game low-limit (fino a $10-20), con occasionali partite high stakes durante lo svolgimento dei più importanti tornei.

Oklahoma:

Sono 26 le location dove è possibile giocare a poker in Oklahoma, fra casinò e card room, e l’offerta cash prevede tavolo $1 – $2 sia Limit che No Limit Holdem.

I Maggiori casinò dello Stato sono il WinStar Casinò di Thackerville con una magnifica poker room con 46 tavoli, il Casinò Choctaw a Durant e l’Hard Rock Casinò di Tulsa, ambedue con una poker room da 30 tavoli.

Mississippi:

Sono 15 le poker room nello Stato del Mississippi principalmente dislocate fra Tunica e Biloxi.

A Biloxi si trovano il Beau Rivage Casino con una poker room da 16 tavoli che raddoppiano in caso di tornei importanti e l’Imperial Palace, a Tunica invece si trovano il Sam’s Town Casino, e l’Harrah’s casino.

Pennsylvania:

parxNegli ultimi anni, lo Stato della Pennsylvania è diventato il secondo Stato americano per la vastità di offerta legata al gioco d’azzardo ed il poker ha giocato un ruolo particolarmente importante in merito. La più grande poker room dello Stato la si trova a Philadelphia ed è all’interno del Casinò Parx e dispone di 61 tavoli, sempre nella stessa città troviamo un’altro casinò della catena Harra’s che dispone di una poker room da 35 tavoli.

In poco più di un’ora di macchina è inoltre possibile raggiungere Bensalem ed il Sands Casino Resort che mette a disposizione degli appassionati 30 tavoli con partite cahs game a partire da $1 – $2 sino ad arrivare al $10 – $20.

Ohio:

Non è molto che i casinò hanno fatto la loro comparsa nello Stato dell’Ohio, ed attualmente sono 4 le card room dove è possibile giocare a poker, e si trovano a Cleveland, Toledo, Columbus e Cincinnati per un totale di 117 tavoli.

A questo punto, non resta che elencare la Top5 dei luoghi migliori dove poter intraprendere una carriera da PPP, sempre secondo il sondaggio di cardplayer.com, vediamo di darvi alcune indicazioni in merito.

Al 5° posto troviamo Baltimora, nel Maryland:

Maryland_liveGrazie ad un decreto del 2012 i casinò presenti nello Stato del Maryland e concentrati per lo più nell’area di Baltimora hanno potuto estendere la loro offerta di gioco inserendo anche i giochi da tavolo, e da quel momento la crescita del poker ha avuto ritmi costanti, e sicuramente vista la “giovane età” del boom del poker nello stato potrebbe essere un buon posto da dove cominciare la propria carriera professionistica

Il Casinò più grande è il Maryland Live Casinò di Hanover, a 20 minuti da Baltimora, e la poker room del Casinò dispone di 52 tavoli.

Inaugurata nel mese di Agosto del 2013 la poker room offre tavoli cash game fino a $50 – $100 Limit Hold’em, $10 – $25 No Limit Hold’em e $10 – $10 PLO. Durante i week end l’offerta si estende con l’apertura di tavoli $1 – $2 e $2 – $5.

Nell’area di Baltimora è in fase di ultimazione anche l’Horseshoe Casino e dovrebbe aprire i battenti netro Giugno 2014, e da quello che è emerso dalle parole del responsabile di Caesar’s Entertainment (propietaria del marchio Horseshoe) la poker room del casinò sarà interamente brandizzata World Series of Poker e potrebbe ospitare fino a 110 tavoli.

Vasta è comunque l’offerta di gioco per i giocatori dell’area di Baltimora, infatti nelle vicinanze della capitale dello stato, fino ad un massimo di 90 minuti di macchina, sono ben 200 i tavoli ai quali è possibile sedersi per affrontare una partita cash.

Al 4° posto Atlantic City, New Jersey:

1037ACity_Borgata[1]

Atlantic City negli ultimi sette anni ha vissuto dei gravi momenti di crisi economica e con l’apertura di diverse poker room nei casinò degli stati confinanti ha fatto si che quella che una volta era il cuore del poker degli Stati Uniti scivolasse così in basso in classifica.

Tuttavia il terreno è ancora fertile per i giocatori che vogliono costruirsi la professione di PPP, avendo a disposizione una vasta gamma di giochi (dagli stud al NLHE) e di limiti .

Ad Atlantic City sono 12 i casinò autorizzati ad operare, ma solamente otto di essi hanno ancora la poker room. Il più grande e famoso è sicuramente il Borgata con una sala da 85 tavoli ed una varietà di giochi che non ha eguali in tutto il paese. Quotidianamente è possibile trovare tavoli da $200 – $400 Mixed Game e Stud, mentre per gli appassionati di Limit Hold’em l’offerta spazia dai low limit $2 – $4 sino al $10 -$20 e gettonate sono anche le partire mid limit $20 – $40 e $40 – $80.

Per chi invece desidera uscire dalle varianti e gettarsi nel tradizionale Texas Hold’em l’offerta non manca, infatti fra Ballys, Showboat, Trump Taj Mahal e Harrah’s si possono trovare per ogni tasca.

Al 3° posto Las Vegas, Nevada:

Su Sin City si è detto tutto ed il contrario di tutto. Di fatto resta la capitale del gioco d’azzardo degli Stati Uniti, ma il poker è ormai diventato un gioco messo in secondo piano rispetto alla vasta offerta di giochi proposti dai casinò sulla Strip.

Las VegasInfatti le entrate dovute al gioco del poker, in ogni sua forma, equivalgono solamente al 1% del totale delle entrate dei casinò della città.

Nonostante questo c’è ancora modo di trovare una vasta scelta di tavoli cash game e di tornei giornalieri, grazie agli 800 tavoli delle 50 poker room presenti. La più grande poker room è quella del The Venetian, che dopo una recente ristrutturazione può contare su ben 59 tavoli, seguono poi il Bellagio con 39, l’Orleans con 35, il Caesars Palace con 30 il Wynn con 26 e l’Aria con 24.

Per quanto riguarda le partite cash game i tavoli che vanno per la maggiore riguardano i low-limit $1 – $3 e $2 – $5 No Limit Hold’em, che sono anche l’ideale per chi non ha un elevato bankroll di partenza ed intende incrementarlo.

Gli amanti degli High stakes mixed games possono trovare i tavoli a loro più congeniali all’Aria, al Venetian e nella famosa Bobby’s Room del Bellagio.

Ovviamente, per gli amanti della modalità torneo Las Vegas è un po “La Mecca” infatti oltre alle WSOP, al WPT settimanalmente il giocatore ha possibilità di scegliere fra oltre 500 tornei con buy in dai $20 ai $500.

Al 2° posto Fort Lauderdale, Florida:

Fort Lauderdale sorpassa Las Vegas, in molti potrebbero gridare all’eresia, ma secondo cardplayer.com questo balzo in avanti è dovuto alla qualità del gioco piuttosto che alla quantità.

palm_beach_kcIn Florida il boom del Texas Hold’em è arrivato in ritardo rispetto agli altri Stati e sono molti i giocatori residenti in Florida che stanno ancora imparando, infatti è solo da 2010 che lo Stato ha abbattuto le restrizioni sul buyin, che prima di allora avevano un tetto massimo di $100, ed il risultato di questa revisione è stato un vero e proprio boom del gioco.

A Fort Lauderdale, città sul mare a 20 minuti a nord di Miami, è particolarmente ampia l’offerta di poker, poker room si trovano al Palm Beach Kennel Club con i suoi 60 tavoli, la seconda poker room dello stato, 41 tavoli ha anche il Seminole Hard Rock Hollywod, Isle of Pompano Park dispone di una poker room da 38 tavoli, il Casinò tribale di Miccosukee Casino Resort ne vanta 32 ed il Mardi Gras Racetrack 30.

BestBet Jacksonville è la poker room più grande e si trova nell’omonim a città, a 6 ore di macchina da Fort Lauderdale, lo stato della Florida dispone in tutto di 32 poker room, e cinque di esse sono fra le 15 poker room più grandi degli Stati Uniti.

And the Winner is Los Angeles, California:

La città degli angeli è la regina indiscussa del poker a stelle e strisce, infatti ha il maggior numero di tavoli, il maggior numero di tornei ed una varietà di gioco che non si trovano da nessun’altra parte. Qui si trovano le tre più grandi poker room del mondo, basti considerare che solamente Commerce Casino, Bicycle Casino, Hawaian Gardens Casino e Hollywood Park Casino hanno un totale di 492 tavoli da poker (circa la metà di tutti i tavoli presenti a Las Vegas).

commerce-casino1Los Angeles, ha preso ormai il posto di Atlantic City per quando riguarda il Texas Hold’em nella variante Limit con un ventaglio di proposte che vanno da $2 -$4 al $100 – $200, con tavoli che partono regolarmente ogni giorno. Per gli appassionati del no Limit Hold’em possono trovare con assoluta facilità tavoli da $1 -$2 al $10 – $20 ad ogni ora del giorno e della notte.

Gli amanti degli high stakes non hanno difficoltà a trovare tavoli da $400 – $800, e questi limiti si innalzano in occasione dei grandi tornei che appordano in città. Per quanto riguarda i tornei, ogni giorno il palinsesto si compone di 60 tornei che si ripetono settimana dopo settimana.

Los Angeles è anche la sede del prestigioso WPT La Classic, il torneo da $10.000 di buy in che ha lanciato le carriere di Antonio Esfandiari, Gus Hansen e Michael Mizrachi.

Tanto per capire quanto sia incontrastato il dominio di Los Angeles nell’offerta legata al poker basti pensare che nel mese di Gennaio al Commerce Casino un evento del Los Angeles Poker Classic da $150 di buy in ha attirato ben 8.133 giocatori, mentre al Bicycle Casino per un torneo da $100 di buyin, che prevedeva anche un addon, sono stati necessari 25 Day1 per smaltire le 5316 iscrizioni ed i 4.732 addon che hanno generato un montepremi totale da 1.6 milioni di dollari.

Data la vasta offerta, in suolo americano, non riesce pi tanto difficile comprendere perchè i giocatori provenienti dagli Stati Uniti siano tutti degli eccellenti giocatori, siano essi amatori o professionisti, perchè quindi non pensare di andare a trascorrere qualche mese oltre oceano, approfittando di tutto questo ben di Dio?