lost password?
Giovedì, 23.11.2017
Campione
Riccardo Trevisani, dalle stalle alle stelle!
am Sunday, October 13, 2013

Il Day2 comincia con 486 giocatori, ed una leggera pioggia a bagnare Campione d’Italia.

trevisani_leaderDurante i primi 3 livelli di gioco è una moria di giocatori, tutti i più corti, che cadono uno dopo l’altro. Arriviamo ametà del Day2 e Riccardo Trevisani, noto giornalista sportivo, dopo aver perso diversi colpi si ritrova con 4.800 chips, ed i bui che crescono.

Da quel momento è un susseguirsi di allin, nel tentativo di fare stack, e la cosa riesce. Il buon Riccardo risale la china, al punto tale che da dopo la pausa cena prende possesso del tavolo dove siede, apre molte mani, entra in tanti piatti e continua a fare stack fino a raggiungere e superare quota un milione.

A chi segue i tavoli, girandovi in mezzo, non può non venire in mente l’ormai famosa frase di Cris Ferguson “a chip and a chair”, a Riccardo è andata proprio così, segno che questo gioco non è poi così spietato, o meglio non lo è sempre, segno che anche quando si perdono colpi che erodono lo stack una buona dose di fortuna (che è innegabile deve esistere) legata ad un buon livello di pazienza un’ottima base tecnica che ti permette di sapere quando e come metterle tutte nel mezzo ed il gioco è fatto.

Ora assieme a Paolo Petrucci guida il chipcount (primo o secondo poco importa, dato il bel gioco che hanno saputo produrre), ne restano 79 che passano al Day3 il giorno che, ci auguriamo, porterà al tavolo finale televisivo di questa dodicesima edizione di Italian Poker Open, e che porterà nellatasche del vincitore un assegno di ben 100 mila euro.

A chi è rimasto corto, approdando al Day3, ricordiamo la storia di Riccardo e la frase di Chris “A chip and a chair” .

Si chiude il Day 2 con Riccardo Trevisani, guarda caso, come Chipleader con 1.373.000 chips, seguito da Paolo Petrucci con 1.351.000 ed ancora un gradino più in basso per Mario “supermet” Perati con 1.293.000

Ora non ci resta che attendere domani, a tarda ora, quando resteranno in 8 a giocarsi il prestigio di aver il proprio nome iscritto fra i vincitori di Italian Poker Open.

legga anche questo articolo : Scoppia la bolla sotto i piedi di Sasky
oppure questo articolo : Seat Draw Day 3