lost password?
Mercoledì, 22.11.2017

Vittoria in Primo Grado per Figuccia nell’operazione All In
am Saturday, April 5, 2014

Sono passati anni da che la cosiddetta “operazione All-in” sta tenendo banco, era il 2011 quando i primi accertamenti sulle vincite dei giocatori di poker all’estero nelle nazioni appartenenti all’Unione Europea. Da allora i nomi caduti nelle maglie di “questa giustizia” sono molti. Dopo anni, dopo lungaggini burocratiche e numerosi accertamenti arriva un sorriso ed una piccola ma significativa vittoria.

agenzia-delle-entrateLa Commissione Tributaria Provinciale di Treviso si è espressa in favore di Marco Figuccia accogliendo integralmente il ricorso del giocatore italiano al quale erano state contestate vittorie non tassate in casinò della Slovenia, dell’Austria, in Spagna ed in Inghilterra:

  • Annullando gli atti di accertamento emessi nei suoi confronti dall’Agenzia delle Entrate.
  • Condannando la stessa AdE a pagare le spese processuali per una cifra intorno ai €4.200.

Un altro passo avanti che fa sorridere e ben sperare tutti i player coinvolti in questa operazione. Un altro importante metro di giudizio a pochi giorni dal pronunciamento della Commissione Europea, che ha giudicato illegittima la tassazione italiana sulle vincite in case da gioco europee, e dopo la sentenza della Commissione Tributaria di Trieste.

Un altro successo come dicevamo, non solo per Marco Figuccia ma per tutto il movimento, anche se l’avvocato Massimiliano Rosa, legale del giocatore, rimane cauto:

Sono certamente molto soddisfatto ma non è il caso di dare eccessiva enfasi al risultato ottenuto, abbiamo soltanto vinto una battaglia. Personalmente mi riterrò integralmente appagato solo se l’operazione All-In sarà definitivamente rasa al suolo e, soprattutto, solo se l’Amministrazione Finanziaria, prima o dopo, risarcirà adeguatamente i miei assistiti per i danni economici ed esistenziali subiti. Vorrei infine condividere i meriti del risultato con il dott. Sebastiano Cristaldi, il cui apporto nello studio e nell’approfondimento di questi casi è stato imprescindibile”.