lost password?
Mercoledì, 26.07.2017

WPT Season XIII: Dal primo luglio si alza il sipario
am Thursday, May 15, 2014

Da pochi giorni si è conclusa la stagione numero dodici del World Poker Tour e già si hanno particolari sul debutto della nuova stagione, la tredicesima di un circuito sempre ricco di nomi importanti e di prize pool da capogiro. Il WPT riprenderà la sua azione il 1 luglio in piena campagna WSOP e lo farà proprio a Las Vegas. Una sorta di sfida quella lanciata dal world poker tour al campionato del mondo di poker. Dal Rio al Casinò Aria, pochi chilometri l’uno dall’altro. Per il momento dunque solo questa prima data è stata svelata ma a breve  verrà comunicato tutto il calendario ufficiale.

565 dollari il buyin per sedersi al Casinò Aria a fronte di un garantito da 1 milione di dollari con almeno 200 mila bigliettoni garantiti al primo. Considerando la marea di giocatori che invaderanno Las Vegas in quel periodo a pochi giorni fra l’altra dallo start del Main Event, c’è da attendersi il sold out per questa prima tappa della tredicesima stagione.

Una scelta ben ponderata dai vertici del WPT consapevoli che piazzare torneo cosi accessibile a tutti in quel periodo, può portare solo dei benifici ad un circuito che dopo qualche appannamento fra il 2007 e il 2010, sta tornando a registrare numeri impressionanti. Basti ricordare che nell’ultima stagione, si sono giocate da agosto ad aprile 22 tappe più la finalissima e tre di queste sono entrate di diritto nella top five della storia del WPT come affluenza di giocatori, segnando dei veri record quando il world poker tour si è affacciato in terra canadese o quando ha fatto visita sulla costa californiana.

In attesa di conoscere quindi le tappe della nuova stagione, anche i giocatori italiani possono sognare di debuttare nella prima tappa,grazie all’accordo fra il WPT e Gioco Digitale, che organizzerà dei satelliti per qualificarsi all’evento. Soltanto dall’online, l’organizzazione si attende dall’Europa almeno 100 qualificati.

Insomma chi ben comincia è a metà dell’opera.