lost password?
Domenica, 22.10.2017
wsop
WSOP 2013 Main Event, Jay Farber vs Ryan Riess
am Tuesday, November 5, 2013

Sono rimasti solo in due, al Main Event delle Wsop. Gli altri “attori”, loro compagni di un viaggio durato 10 ore hanno lasciato il palcoscenico e le luci della ribalta.

Non ce l’ha fatta il favorito di turno, quel JC Tran che aveva iniziato da chipleader Tv Table dopo aver condotto, 115 giorni fa, un Day6 ed un Day7 davvero magistrali, non ce l’ha fatta nemmeno David “raptor” Benefield, anche lui non particolarmente fortunato, e nemmeno Michiel Brummelhuis, il forte player olandese che nel giro di tre mani, ha prima raddoppiato lo stack e poi è uscito, sempre con la medesima mano, una coppia di nove, e sempre contro il medesimo avversario quel Ryan Riess che oggi troviamo all’heads up finale, e che parte da netto favorito nonostante la distanza di 20 milioni di chips che lo separa da suo rivale Jay Farber.

Scopriamo ora chi sono sono jay Farber e Ryan Riess, proviamo a conoscerli un po meglio.

Jason “Jay” Farber (105.000.000):

jay-farber

Jason “Jay” Farber

E’ sicuramente il volto nuovo di questi November nine, come lo è stato Chris Moneymaker, o Dennis Phillips e come loro è quello che di certo ha meno da perdere in questo heads up finale.

Nasce a Dolystown, anche dal nome della città di nascita sa di predestinato, in Pennsylvania, ma ha vissuto per lunghissimo tempo a Santa Barbara in California, prima di trasferirsi a Las Vegas.

Laureato in Economia, appena trasferito nella “città del peccato” ha provato a percorrere la strada per diventare giocatore professionista, giocando cash game e dedicando molto tempo allo studio del texas holdem, purtroppo le cose non sono andate come avrebbe voluto e si è visto costretto a trovarsi un lavoro . Ha iniziato lavorando nei locali notturni, ed oggi è uno dei più apprezzati PR ed Host VIP di Sin City.

Farber, che si è qualificato al Main Event delle WSOP grazie ad un torneo satellite, altra analogia con il passato che lo vorrebbe vedere come predestinato, è stato l’unico giocatore, del suo Day1, ad essersi qualificato con uno stack superiore le 100 mila chips, la sua good run è durata per tutta la durata del Main Event, e sicuramente il momento decisivo del suo torneo è stato quando è finito a resti pre flop contro Noah Schwartz, in un classico cooler :Ah: :As: per Farber e :Kh: :Kc: per Schwartz, ed il pot da 6 milioni che scivola verso il posto occupato da Jay.

Informazioni sul Farber giocatore non se ne trovano, ma di certo in questi 114 che hanno preceduto il tavolo finale sarà stato “aiutato” e coachato da alcuni suoi Amici, nomi del calibro di Ben Lamb, Vanessa Selbst e The Grinder” Michael Mizrachi.

Questa notte, a partire dall 2,30, vedremo di che pasta è fatto e se saprà portarsi a casa il braccialetto di platino così come hanno fatto Chris Moneymaker o Dennis Phillips, due “dilettanti” al tempo delle loro vittorie, oppure Doyle Brunson. A volte i sogni si avverano!

Ryan Riess (87.650.000):

Ryan Riess

Ryan Riess

Ryan Riess AKA “Riess the Beast”, ed un regular dei circuiti WSOP, WSOP Circuit e WPT, in carriera ha collezionato oltre 300.000 dollari di vincite, nonostante abbia solo 23 anni.

Originario di East Lansing in Michigan, è laureato in Business a Michigan State ed attualmente vive a Las Vegas.

E’ giocatore professionista, e la sua maturazione ed i risultati derivano anche dal fatto che per diverso tempo Ryan Riess abbia lavorato come dealer in una sala da poker nel Michigan, lavoro che, oltre a dargli la possibilità di mantenersi gli studi gli ha permesso anche di acquisire i fondamenti ed i segreti del gioco, di certo è anche grazie a questo lavoro unito alla dedizione allo studio ed alle proprie capacità che nel 2012 è runner up ad un evento del Wsop Circuit all’Horseshoe Hammond di Chicago.

La crescita pokeristica di Riess è stata possibile anche grazie agli amici di cui si è circondato, tutti ottimi poker players, da Loni Harwood Bryan Campanello, a Jonathan Hilton, e tutti vincitori di almeno un braccialetto WSOP.

Riess infatti passa molto tempo con loro,  analizzando le hand histories e cercando uno scambio costante di informazioni, che gli hanno permesso di incrementare il suo tasso tecnico.

Nell’heads up di questa sera certamente Riess, nonostante parta in svantaggio nei confronti di Farber, è il giocatore con maggiore edge al tavolo, staremo a vedere se saprà farla valere.