lost password?
Martedì, 23.05.2017
wsop
WSOP Evento#21: Dominik Nistche si prende il terzo bracciale
am Wednesday, June 11, 2014

Ancora lui sempre lui. Dominik Nistche conquista il terzo braccialetto di una giovane e straordinaria carriera, appena tre settimane dopo aver vinto il bracciale nel Championship delle WSOP Circuit. Questa volta il player tedesco fa suo l’evento#21 il “$1,000 No-Limit Hold’em”, intascando la bellezza di 335.659 dollari in un final day dai cuori forti e con tanti big a rendere ancora più ardua l’impresa. L’ultimo ad arrendersi al dominio del teutonico è stato Dave D’Alesandro, che accarezza il sogno della vittoria ma poi si deve accontentare della seconda piazza insieme a 208 mila dollari. Dominik Nistche

Ripartivano in sedici nel final day e quasi subito esce di scena un mostro sacro del gioco online come Mickey “mement_mori” Petersen out in quattordicesima piazza per 15.334 dollari. Stessa sorte per Dan Alspach (13th – 15.334$), Erwann Pecheux (11th – 19.338$) e Lance Harris uomo bolla del tavolo finale al decimo posto per 19.338 bigliettoni. Inizia dunque il final table, con Jeff Gross, l’ex november nine 2011 Bob Bounahra e Dominik Nistche ancora in corsa per la vittoria.

Esce immediatamente al nono posto David Burt che spinge con :Qs: :Js: ma impatta su AA di Gross senza trovare aiuti sul board. Clamorosa invece la mano che porta all’eliminazione di Billy Horan. Horan si trova in allin preflop con :Ad: :Ah: vs Dave D’Alesandro che  showa pure lui AA con entrambi i semi neri. Split Pot? Nemmeno per sogno e il board è qualcosa di incredibile: :Js: :7s: :2c: :4s: :5s: . Billy Horan si accomoda a parlare con i muri. In settima piazza finisce la corsa di  Eric Milas con :Ad: :Qh: . D’Alesandro ci prende gusto con i colori e con :10s: :10c: ne caccia fuori un altro grazie al seguente board: :Kc: :Jc: :6c: :Jh: :Ac: .

E’ un coin flip a condannare Jeff Gross all’uscita al sesto posto. Il suo AK non trova aiuti contro QQ di Nistche e si resta in cinque. Discorso simile per Thayer Rasmussen, il quale muove allin con Ak vs la coppia di dieci del futuro campione. Il board è sempre dalla parte del tedesco. La medaglia di legno spetta a Zachary Gruneberg, che si trova il allin preflop con AJ. Avanti rispetto a KQ di Nistche. Una :Qd: al flop e un :Kd: al river però sovvertono il vantaggio iniziale e per Gruneberg è l’ora dei saluti.

Alla mano #199 assistiamo a qualcosa di incredibile. Bob Bounahra affida tutto a 7-7, Nistche chiama con 10-10 e a sorpresa c’è l’allin di D’Alesandro con QQ per uno showdown a tre giocatori. Il board sorride a Dave che vola a 4.360.000 gettoni, contro 1.770.000 chips di Nistche.  Bounahra è out sul gradino più basso del podio.

Nelle 92 mani di head’up succede di tutto, con Dominik che trova almeno un paio di double up, prima di passare al comando grazie a :As: :6s: contro :Qs: :10s: del rivale. Alla mano #287 si arriva all’epilogo. Nistche muove allin con :As: :9h: e D’Alesandro mette con 44. Il board dimostra che questo è senza dubbio il torneo del player teutonico. :6h: :10h: :Kh: :3s: :7h: .