lost password?
Martedì, 25.07.2017
wsop
WSOP Evento#32: Dario Sammartino sesto posto, vince Joe Cada
am Tuesday, June 17, 2014

Si ferma sul più bello la straordinaria cavalcata di Dario Sammartino, nel “$10.000 Six Handed No Limit Hold’em Championship”, che guadagna il final table dell’evento#32 ma esce al sesto posto per 91 mila dollari. Se da un lato c’è la conferma per Dario di poter tranquillamente combattere ad armi pari con i migliori giocatori al mondo, dall’altro lato c’è l’amarezza di essersi trovato dalla parte sbagliata del cooler. Detto questo tutti in piedi ad applaudire il partenopeo, che mette nel proprio carniere un altro splendido risultato. Vince il campione del mondo 2009 Joe Cada, il quale oltre al secondo bracciale porta a casa 670 mila bigliettoni. Inoltre abbatte un tabù. E’ il primo vincitore del main event dal 2001, che dopo il sigillo mondiale, riesce a vincere un bracciale in un evento WSOP. Dario Sammartino

Ripartivano in tredici al “Rio Hotel & Casinò” nel final day. Escono quasi subito Layne Flack, Scott Clemence, Lee Markholt, Hiren Patel, George Danzer, Kyle White e l’uomo bolla del tavolo finale a sei giocatori Martin Jacobson eliminato proprio dal nostro alfiere. Martin si affida a :As: :5h: contro :10d: :10c: di Dario. Il flop sembra premiare Jacobson :Ad: :4s: :9h: , ma il turn fa scoppiare il boato nella torcida azzurra con il :10s: . Set per Dario e Martin out al settimo posto.

Inizia quindi un final table tra i più duri e più ricchi di bracciali, che si ricordi da queste parti. “MadGenius87” e Max Silver sono gli unici a caccia del primo acuto. Gli altri hanno già iscritto il proprio nome nella storia delle WSOP. Joe Cada come detto campione del mondo 2009, Erick Lindgren ne vanta due al polso. Discorso identico per Jc Tran, mentre Jeremy Ausmus è caccia del bis, dopo l’alloro alle WSOPE dello scorso anno.

Ma il sogno azzurro si spegne dopo sole sedici mani, quante ne bastano a Dario per muovere allin con JJ, trovando Ausmus con QQ. Board nullo è Sammartino è sesto per 91.670 dollari. Bisogna attendere altre 25 mani per avere il quinto classificato. Lindgren ormai short ci prova con 10-9 e da big Max Silver gioca con K4. Nessuno aiuto lungo le cinque strade e perdiamo anche Erick. Nella mano#66 è il turno di JC Tran. Il november niner 2013 si affida a AQ vs JJ di Ausmus. Un :Jc: al river estromette Tran al quarto posto.

Rimasti in tre passano appena quattro mani e poi Max Silver si mette al collo la medaglia di bronzo, rimandando l’appuntamento con il primo braccialetto in carriera. Da small l’inglese ci prova con 10-6 , subendo il call di Cada da big con A8. Trips di 8 per il player di New York e può avere inizio il testa a testa finale. Ausmus parrte in vantaggio con 4.880.000 gettoni vs i 3 milioni di Cada.

Il campione del mondo 2009 piano piano recupera il gap e alla mano#107 piazza il sorpasso. Il coin flip sorride a Cada che si presenta con 88 vs AJ di Jeremy. Joe vola a oltre 7 milioni lasciando con appena mezzo milione il rivale. Nella mano seguente Ausmus fa double up, ma le sue speranze sono davvero esigue e infatti alla mano#112 si arriva all’epilogo finale. Jeremey muove allin con JJ ma per sua sfortuna Cada ha QQ. Il board nullo decreta la vittoria di Joe Cada che per la seconda volta in carriera alza le braccia al cielo al “Rio Hotel & Casinò”.