Campione

Casino Campione

Campione d’Italia intravede la luce, mentre a Saint Vincent in 180 saranno licenziati

C'è chi ride e chi piange. Ma la situazione non è certo rosea ne di qua e ne di la. Momenti differenti fra il Casinò Municipale di Campione d'Italia e il Casinò di Saint Vincent. Nel primo c'è speranza verso il decreto "Salva Enclave" che potrebbe portare alla riapertura. In quello Valdostano invece in 180 sono a rischio licenziamento. 

Campione la salvezza potrebbe essere la svizzera: annessione, ma l’Italia frena

Il caos più totale a Campione d'Italia. Dopo la chiusura per fallimento del Casinò lo scorso 27 luglio, a Campione d'Italia il tempo sembra essersi fermato. Tutto fermo, tutto immobile, mentre la piccola enclave italiana cola a picco. A completare il quadro desolante ci si mettono anche le dimissioni del sindaco. Eppure una strada sembra esserci. 

A Campione i dipendenti non mollano: ecco il Gran Galà davanti al casinò

Dal 27 luglio scorso il Casinò Municipale di Campione d'Italia è stato dichiarato fallito e i sigilli sono stati messi sulle porte d'ingresso. Da quel giorno però i quasi 500 dipendenti del casinò non hanno mai smesso di far sentire la loro voce e di presidiare l'area antistante la casa da gioco. Insomma non voglio arrendersi e sperano in un rilancio del casinò, dopo i terribili dissesti finanziari. Ecco quindi una cena di Gran Galà davanti al casinò con dipendenti e giocatori. 

A Campione d’Italia, una clinica, un residence e un museo al posto del Casinò?

Da Casinò a polo multifunzionale. L'indiscrezione la lancia il sito www.ticinoonline.ch, il quale parla del futuro di Campione d'Italia e della struttura che ospitava fino a qualche giorno fa il casinò municipale. Sembra infatti che un gruppo di imprenditori italiani e svizzeri sia deciso ad investire 100 milioni di franchi elvetici per salvare il paese dal baratro in cui è caduto, dopo il fallimento del casinò. Nel progetto la trasformazione da casa di gioco a Clinica, Residence e Museo. 

Il Casinò di Campione è stato dichiarato fallito: oltre 600 persone senza lavoro

Un'agonia durata anni. Alla fine il tribunale di Como ha emesso il suo verdetto. Il Casinò di Campione è ufficialmente fallito. La casa da gioco, che per anni è stata l'ombelico del poker italiano e non, chiude i battenti esattamente 11 anni dopo il trasferimento nella nuova struttura. 600 persone quindi stanno perdendo il lavoro e quello che era nell'aria da tempo, si è concretizzato oggi durate l'ora di pranzo. Un finale amaro dove perdono e perdiamo tutti. 

IPO Pokerstars: Simone Speranza ancora tu! E’ trionfo bis per 150.000€

Lo ha fatto ancora. Lo ha fatto di nuovo. Simone Speranza vince per la seconda volta IPO Pokerstars e incassa 150.000 euro. Due anni e 5 edizioni dopo "Spera 91" lascia nuovamente la firma nell'albo d'oro. Una cavalcata meravigliosa la sua con la leadership sia nel day 1A e sia nel day 2, per poi sferrare l'attacco decisivo nel final day. L'ultimo ad arrendersi alla sua sete di successo è stato Marcello "Cavendramin" Miniucchi che chiude al secondo posto. 

IPO Pokerstars: Angelini e Speranza assaltano il final day, 11 player in corsa

Non sono bastate 12 ore di gioco a Campione d'Italia per comporre l'official final table di IPO Pokerstars. Restano in 11 a giocarsi il titolo di campione e la prima moneta da 150.000 euro. Una lunga e tortuosa discesa nel day 3, che ha consolidato la posizione di Simone Speranza e consegnato i galloni di chipleader a Nicola Angelini. Ripartiranno da qui alle 14.00, con i vari Gianluca Bernardini, Rocco Pandiscia, Marcello Miniucchi e Guido Presti chiamati alla rimonta. 

IPO by Pokerstars: Simone Speranza in fuga sognando il bis, in 75 al day 3

L'IPO by Pokerstars nel segno di Simone Speranza. A Campione d'Italia "Spera 91" si porta al comando del count, quando restano 75 players in corsa. Dopo aver dominato il day 1A, Speranza si conferma in grande forma anche nel day 2 imbustando 3.100.000 unità. Inevitabile pensare ad un bis, visto che Simone Speranza ha già vinto un Italian Poker Open: esattamente due anni fa nell'edizione numero 22. Insieme a lui avanzano diversi nomi pesanti. 

IPO by Pokerstars: Klevis Pali incontenibile nel day 1C e in 1.590 si gettano nella mischia

Un risultato atteso e che non tradisce i pronostici della vigilia. La seconda edizione di IPO By Pokerstars mette a sedere 1.590 giocatori nel corso del triplo flight di qualificazione. Ancora un successo di numeri e spettacolo a Campione d'Italia per una kermesse che continua ad attirare players. Decisivo il day 1C con 808 paganti, dove spicca il volo Klevis Pali. E' lui il leader indiscusso della corsa, con 447 players che torneranno a gremire la sala per l'odierno day 2. 

IPO Pokerstars: Max Pescatori accende lo spettacolo nel day 1B, già 782 paganti

La seconda edizione di IPO Pokerstars prosegue la sua marcia di avvicinamento al montepremi garantito di 600.000 euro e dopo il day 1B sono già 782 i paganti. Ne mancano poco meno di 500 per raggiungere la quota e sono annunciati almeno 760 pre-registrati per il day 1C, ultimo round di qualificazione sulla strada che porta al day 2. Max Pescatori accende la musica nel day 1B e si mettono in evidenza i vari Domenico Gala, Daniele Primerano e Marco Bognanni.