News

A New York e Las Vegas qualcosa si muove

0

Se i casinò di tutto il mondo hanno risentito negli ultimi anni della crisi globale dell’economia, la primavera del 2015, potrebbe essere lo spartiacque fra la fine di una delle ere più difficili di sempre e un nuovo ciclo di crescita per i casinò stessi, almeno negli Stati Uniti. E quello che si evince dalle voci che giungono sia da New York sia da Las Vegas, dove in entrambe le città c’è grande voglia di ripartire. Progetto in scala

New York sembra essere quella più attiva. Se nel 2014 è arrivato per la prima volta l’ok per costruire ben tre case da gioco, ora potrebbe arrivare l’ok della commissione “Gaming” anche per un quarto casinò. Il governatore Andrew Cuomo ha sollecitato i funzionari della commissione gioco ad ampliare l’offerta dei casinò, in modo da stuzzicare la voglia e l’attenzione di società interessate al progetto. Insomma l’obiettivo è quello di costruire nell’area a sud dello stato di NY, una nuova Las Vegas al confine con lo stato della Pennsylvania.

L’area indicata da Cuomo è conosciuta come “Southern Tier” ed è stata definita dallo stesso governatore come un area in grave difficoltà economica. Riuscire a portare a termine un progetto simile, secondo dal suo punto vista, risolleverebbe le sorti del “Southern Tier”. In molti però hanno bocciato la proposta del governatore, in quanto si rischierebbe una sorta di “saturazione” visto che proprio in Pennsylvania sono già presenti ben dodici casinò.

Lunedi dunque la commissione esprimerà il suo parere. Intanto proseguono le costruzioni dei casinò nello stato di NY. Il primo dovrebbe aprire fra due anni, a 75 miglia dalla “Grande Mela”. Nella cittadina di Sullivan County nascerà quindi il ” Montreign Resort Casino” il cui costo totale si aggira intorno al miliardo e cento milioni di dollari.

New York al tempo stesso strizza l’occhio anche al poker online e da più parti si vocifera di una legalizzazione del gioco online, una volta realizzati i suddetti casinò. Infatti secondo una ricerca condotta dal New York Times gli abitanti di New York, potrebbe arrivare a spendere anche 110 milioni di dollari all’anno per il poker online. Una cifra importante che porterebbe nelle casse dello stato fino a 50 milioni di dollari  di tasse. Con 19.800.000 abitanti lo stato di New York, dispone di un bacino che fa gola a tanti.

Dalla “Grande Mela” a Las Vegas, dove a breve dovrebbero iniziare i lavori per la costruzione del “World Resort”. Si stima che il costo del nuovo casinò arrivi a toccare quota 4 miliardi di dollari. Un progetto immenso e che per il momento non ha una data di conclusione ben precisa. Secondo il Las Vegas Journal, il casinò addirittura potrebbe aprire solo una parte dell’area gioco/hotel, per poi completare la parte restante nei mesi successivi.

Senza dubbio sarà il casinò più costoso di sempre nella città del peccato. Previsti fino a 3.500 slot machine e almeno un migliaio di  tavoli da gioco. Il  “World Resort” stima un gettito fiscale di quasi 155 milioni di dollari l’anno. Una marea di soldi che a Las Vegas non vogliono certo farsi sfuggire. Ne da una parte, ne dall’altra.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here