News

A Saint Vincent la prima pokerstars live in Italia

0
Pagano events
La conferenza stampa della Pagano Events

Mentre a Malta è iniziata ufficialmente la settima stagione dell’Italian Poker Tour con il day1A del main event da 1.100 euro con e con il Super High Roller EPT da 25.000 bigliettoni, Luca Pagano e il padre Claudio in mattinata hanno presieduto la conferenza stampa di inizio stagione. Insieme a loro il country manager di Pokerstars in Italia Marco Trucco assieme a Edgar Stuchly presidente dell’EPT.

Una marea di novità sono in arrivo per i giocatori e per chi frequenta il circuito dell’Italian Poker Tour. La più importante riguarda la poker room del casinò di Saint Vincent che diventerà la prima “Pokerstars Live” in Italia sulle orme di quanto già fatto dalla room dell’Isola di Man, a Macao, Manila e Londra. Una sala brandizzata con i colori di Pokerstars.

A inaugurare la nuova “Pokerstars Live” ci penserà uno speciale Mini IPT dal montepremi garantito di 100.000 euro, il prossimo 24 aprile. E proprio l’Italian Poker Tour passerà per ben due volte dalla città valdostana. Ma come ha precisato Marco Trucco, non ci saranno solo IPT e Mini IPT ad a colorare la “Pokestarlive” ma anche altri numerosi eventi, fra cui kermesse ideate esclusivamente per il cash game.

Venendo all’Italian Poker Tour che inizia oggi, la settima stagione vedrà soltanto quattro tappe. Una scelta precisa quella della “Pagano Events” come dimostrano le parole di Luca e Claudio Pagano. “Rispetto alle passate stagioni vogliamo puntare sulla qualità di ogni singolo evento, concentrandoci di volta in volta sulla relativa tappa in modo da creare un vero e proprio festival del poker con ampia offerta di tornei e di cash game. Consultando i pareri dei giocatori, ai quali noi diamo molta importanza, ci siamo resi conto che i giocatori vogliono questo. In più la creazione della “Pokestars Live” a Sain Vincent diventerà un nuovo punto di riferimento per i players”. 

Se la prima tappa è già in corso, le altre si terranno dal 30 luglio al 3 agosto a S. Vincent, dal 17 al 21 settembre a Nova Gorica e infine il “Gran Final” ancora a Saint Vincent dal 12 al 15 novembre. Confermati i 1.100 euro di buyin per l’IPT e i 330 euro per il Mini IPT, con garantiti importanti. I garantiti avranno di sicuro un appeal importante come richiamo per i giocatori. E Marco Trucco precisa che, la programmazione completa della stagione, permette di conseguenza a Pokerstars di creare una serie infinita di satelliti online per conquistare il ticket a pochi euro, sia sul .it che sul .com. Un ottimo richiamo anche per i giocatori stranieri e per i vari team pro nazionali di Pokerstars.

E tutto questo lavoro attorno alla “Pokerstars Live” di Saint Vincent ha sicuramente come obiettivo quello di riportare l’European Poker Tour in Italia, anche se per il momento non arrivano conferme in questo senso. Ma la sensazione è che sotto traccia si lavori alacremente, per riavvicinare il nostro paese ad un evento così troppo importante per starne lontano.

Alcune dichiarazioni sono d’obbligo su Sanremo a lungo la “casa” della Pagano Events e dell’EPT. La società trevigiana non chiude le porte allo storico casinò , ma al tempo stesso chiarisce che il ritorno di tutta la carovana IPT è possibile solo se ci saranno le condizioni per un’offerta importante di cash game. Però come dice una certa canzone “perché Sanremo è Sanremo”. E allora non ci sarebbe da stupirsi se a stagione in corso venisse inserita una quinta tappa proprio in liguria.

L’ultime battute riguardano l’accordo con la Global Poker Index per la leaderboard. Nascono infatti due nuove classifiche legate all’Italian Poker Tour. Una sarà chiamata “Silver” e comprende tutti gli eventi fino a 600 euro di buyin. L’altra invece chiamata “Gold” comprenderà tutti gli eventi e tornei giocati durante gli IPT Festivals senza alcun limite di buyin, in modo da far partecipare tutti i giocatori al “Player The Year”.

A questo riguardo chiude la conferenza stampa, il CEO dell GPI Alex Dreyfus. “Per noi è un motivo di orgoglio operare insieme all’IPT, perché oltre a collaborare con un leader del settore, avremo la possibilità di affacciarci nei mercati del Sud – Europa”. 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here