News

Daniel Negreanu e K-K foldato per due volte: ‘Una volta ho sbagliato completamente’

0

Daniel Negreanu quando viene intervistato è sempre un pozzo di informazioni senza fine. Il canadese ha fatto una lunga chiaccherata con RealClearLife. Tanti gli argomenti trattati dal team pro canadese, dalle ultime poco esaltanti WSOP 2018, passando per i VIP che si avviciano al gioco e infine quelle due volte in carriera dove ha foldato K-K. Insomma mai banale e sempre un piacere seguirlo nei suoi racconti. Non a caso è sulla cresta dell’onda da quasi 20 anni. 

K-K si, K-K no

L’ultima avventura di Daniel Negreanu alle WSOP non è stata delle più esalanti. La ricerca del settimo bracciale prosegue, ma non sembra essere un tabù per Kid Poker: “Vincere non è mai facile e se consideriamo che il livello di difficoltà alle WSOP si è alzato tantissimo negli ultimi anni, credo che sia anche normale non riuscire a mettere le mani sul braccialeSento che però quel momento arriverà”. Dal settimo bracciale mancato, al 15° vinto dal suo amico-rivale Phil Hellmuth. “In molti credono che ci sia un pessimo rapporto fra di noi, ma si sbagliano. Siamo molto amici e c’è grande stima. Poi ovviamente mi diverto a punzecchiarlo qualche volta, visto che Phil non accetta mai di buon grado la sconfitta”. 

Daniel Negreanu e K-K foldato per due volte: 'Una volta ho sbagliato completamente'
Daniel Negreanu

Il racconto di Daniel Negreanu si sofferma su un doppio aneddoto che in pochi sapevano: “In carriera ho foldato due volte K-K preflop. Nella prima occasione ho fatto la scelta giusta, visto che il mio rivale aveva A-A. Nella seconda invece ho sbagliato la lettura e il mio avversario aveva solo Q-Q”. Il canadese poi spesso è stato chiamato nelle partite con tanti vip di Hollywood, anche per insegnare il gioco basilare. “In homegame con soli attori, prima dell’inizio dello show, mi ero raccomandato di non fare mai call o limpare preflop: fold o raise era il motto. Parte il programma e alla prima mano tutti e sei i giocatori in questione fanno call al grande buio. Li ho capito che insegnare a chi è novizio è veramente dura”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here