lost password?
Mercoledì, 18.07.2018

Il vero regalo di Natale sarebbe la liquidità condivisa: non fate morire il gioco in Italia
am lunedì, dicembre 25, 2017

Sotto l’albero di Natale di ogni pokerista, sarebbe stato giusto e doveroso trovare la Liquidità Condivisa Internazionale. E invece rispetto a Francia, Spagna e Portogallo, i giocatori italiani trovano una scatola piena di dubbi e di incertezze. Il messaggio che vi mandiamo (a chi deve regolamentare il tutto) è abbastanza chiaro: fate partire il progetto anche in Italia. E il prima possibile. La liquidità condivisa è un diritto/dovere, perché il mercato ha bisogno di una rivoluzione. 

Dalle firme ai dubbi italiani 

Lo scorso luglio abbiamo esultato per il trattato firmato a Roma dai quattro enti che gestiscono e regolano il gioco in Italia, Francia, Spagna e Portogallo. Il primo passo ufficiale verso la liquidità condivisa. Un mercato fondamentale ed immenso, del quale gioverebbero tutti. Gli stati per i gettati fiscali, le room per i loro introiti e giocatori che potrebbero ambire a payout scintillanti, con epiche battaglie internazionali. Da luglio ad oggi però, mentre gli altri paesi hanno accelerato il passo verso il .eu, in Italia di colpo è sceso un silenzio assordante. 

Il vero regalo di Natale sarebbe la liquidità condivisa: non fate morire il gioco in Italia

Ti aspetti il bando delle licenze e questo non arriva. Ti aspetti segnali di distensione e questi non ci sono. Il dubbio che qualcuno abbia interesse a bloccare la liquidità condivisa è abbastanza palese. I soliti giochetti di potere, fra Lobby e amici delle Lobby. Una storia che nasce da lontano in Italia, ancor prima della Repubblica. E che si ripete in ogni ambito. Signori mettetevelo bene in testa: il poker online ha bisogno della liquidità condivisa. Un progetto che non può essere più rimandato. O si fa il .eu o il mercato piano piano morirà. Il cash game è in profondo rosso da svariato tempo. I tornei vanno a corrente alterna, ma siamo lontani dai dati del boom di qualche anno fa. 

Insomma è arrivato il momento di prendere la decisione. Ci sono delle firme e ci sono dei trattati a cui l’Italia ha aderito. Almeno per una volta salviamo la faccia davanti al resto del Mondo o di quei paesi che la parola la stanno mantenendo. Il rischio di un clamoroso ritardo da parte del’Italia c’è tutto ormai. Si perché  a breve il Presidente della Repubblica scioglierà le camere in vista dell’elezioni politiche del 4 marzo e a quel punto ogni progetto sarà rimandato a coloro che usciranno vincitori dalle urne. E onestamente di tempo ne è stato perso fin troppo. Se davvero volete farci un bel regalo di Natale e un regalo per il nuovo anno, date una spinta alla realizzazione del mercato condiviso e salvate il gioco online in Italia. 

Buon Natale a tutti. 







Cookie-Einstellung

Wir verwenden Cookies und den Webanalysedienst Google Analytics, um unsere Website möglichst benutzerfreundlich zu gestalten. Wenn Sie fortfahren, stimmen Sie der Verwendung zu. Weitere Informationen und die Möglichkeit Cookies zu deaktivieren finden Sie hier: Datenschutzerklärung

Impressum

Ihre Auswahl wurde gespeichert!

Weitere Informationen

Information

  • Einverstanden:
    Unsere Website verwendet Cookies. Cookies sind kleine Textdateien, die es ermöglichen, bestimmte Informationen zu Ihnen und Ihrem Nutzungsverhalten bezüglich unserer Website auf Ihrem Endgerät (beispielsweise PC, Smartphone, Tablet) zu speichern. Mit Cookies können wir die Benutzerfreundlichkeit unserer Website erhöhen und ihre Funktionalität sicherstellen. Wir setzen Google Analytics ein, um Besucher-Informationen wie z.B. Browser, Land, oder die Dauer, wie lange ein Benutzer auf unserer Seite verweilt, zu messen. Ihre IP-Adresse wird anonymisiert übertragen, die Verbindung zu Google ist verschlüsselt.
  • Keine Cookies zulassen:
    Die Cookie-Deaktivierung können Sie in unserer Datenschutzerklärung vornehmen. Danach werden keine Cookies gesetzt, es sei denn, es handelt sich um technisch notwendige Cookies.

Sie können Ihre Cookie-Einstellung jederzeit hier ändern: Datenschutzerklärung.

Zurück