News

In manette l’ex contabile di Card Player: ha rubato oltre 1 milione di dollari

0

Cinque anni da direttrice finanziaria della società e una gestione a dir poco grottesca del denaro della rivista Card Player. Shelby McCann è stata arrestata con l’accusa di aver rubato oltre 1 milione di dollari durante i suoi 5 anni da contabile della società. Ben 23 i capi d’accusa che pendono sulla 38enne americana. Insomma un colpo durissimo alle finanze della nota rivista specializzata sul poker, che è una sorta di bibbia al di la dell’oceano e che per qualche anno è stata distribuita nel nostro paese. 

Ammanchi a sei zeri 

Shelby McCann è stata assunta come direttrice finanziaria di Card Player all’indomani del Black Friday. Il momento più basso per il poker in generale e anche per la rivista, visto che in quel periodo il 90% del personale è stato licenziato. La donna una volta assunto il comando del suo ufficio e sembra che abbia iniziato una sorta di scam con i denari della rivista stessa. Pagamenti a titolo personale fatti con la carta di credito di Card Player, bonifici effettuati con il conto della rivista per saldare bollette e anche un aumento non autorizzato di stipendio. Insomma una truffa allo stato puro. 

In manette l'ex contabile di Card Player: ha rubato oltre 1 milione di dollari

Per cinque anni la donna è riuscita però a nascondere tutto. Poi nel 2016 MCcann si è licenziata, trasferendosi alle Hawai. E da quel momento negli uffici di Card Player hanno iniziato a capire che qualcosa non andava. Il CEO e co-fondatore di Card Player Barry Shulman ammette: “dal 2016 in poi i nostri fondi sembravano azzerati. Mancavano addirittura i soldi per pagare la bolletta della luce“. In breve tempo è parita un’analisi profonda dei conti di Card Player e ben presto si è capito che l’ammanco superava il milione di dollari. La responsabile non poteva che essere l’ex direttrice Shelby McCann. Al termine delle indagini condotte dalla polizia, la donna è stata arrestata alle Hawai e con ben 23 capi di accusa. Una brutta storia. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here