News

Phil Ivey e un divorzio assai caro: alla moglie un assegno da 180.000$ al mese

0

Phil Ivey e le spese pazze. Nell’ultimo periodo il “Tiger Woods” del poker è alle prese con la grana del Casinò Borgata. E per il momento sembra costretto a pagare 10 milioni di dollari, in seguito proprio a quella vicenda. Ma anche il divorzio di 10 anni fa con l’ex moglie è costato assai caro ad Ivey. 

180.000 dollari al mese per un anno e mezzo 

Insomma non sempre sono rose e fiori per Phil Ivey. Se la sua carriera ai tavoli è indiscutibilmente scintillante, il fuori classe americano ha penato e non poco al di fuori dal poker negli ultimi 10 anni. E’ partito tutto dal divorzio con l’ex moglie. Nel 2009, dopo sette anni di matrimonio, i due hanno deciso di separarsi. All’epoca Ivey non solo era fra più vincenti giocatori al mondo sia dal vivo e sia online, ma era anche socio di Full Tilt. Una montagna di soldi, a cui l’ex moglie non ha voluto rinunciare e così nel 2010 ha ottenuto diversi benefit: metà del valore della casa in cui vivevano, una macchina, un’assicurazione sulla vita, il pagamento immediato per l’acquisto di un immobile, il 40% di un conto azionario, gioielli per il valore di un milione di dollari, una collezione di borse dal valore di 1.2 milioni di dollari e il 40% di tutti i business di Phil Ivey ad eccezione di Tiltware, LLC (Full Tilt Poker).

Phil Ivey e un divorzio assai caro: alla moglie un assegno da 180.000$ al mese
Phil Ivey

Per non farsi mancare niente l’ex signora Ivey, ha ottenuto anche un assegno mensile da 180.000 dollari. Assegno versato da Phil dal 2010 fino all’aprile 2011. Quasi in corrispondenza del black friday e dalla chiusura temporanea di Full Tilt. Proprio sullo stop della room, gli avvocati di Ivey hanno fatto leva davanti al giudice, ottenendo l’OK alla sospensione del suddetto assegno. La ex moglie pare non l’abbia presa bene e a sette anni distanza è ancora in causa. Come se non bastassero i problemi legati al divorzio, ecco che in serie il Black Friday prima e la causa con il Borgata poi, hanno aumentato le battaglie extra tavolo del 10 volte campione alle WSOP. Phil Ivey per un lungo periodo è uscito dalla scena principale del poker e quanto pare per dimostrare che il suo tenore di vita non poteva più essere quello di una volta. In modo da ottenere così la clemenza della corte sui 10 milioni di danni richiesti dal Borgata. Ma come detto, il giudice non si è fatto intenerire e ha condannato in primo grado Ivey al pagamento del danno. In attesa di conoscere l’esito del ricorso ovviamente. Bravo e fortunato nel gioco: lo stesso non si può dire nella vita di tutti i giorni. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here