News

PM 2018: Dominik Nitsche vola nello Short Deck, Keith Lehr beffa tutti nel PLO

0

L’attesa è finita al Poker Masters 2018. Finalmente a Las Vegas e precisamente al Casinò Aria, si è giocato il primo torneo dal vivo di Short Deck. L’evento#4, dal buyin di 10.000 dollari ha visto 55 players alternarsi ai tavolo e in sei raggiungo il final table. Prova la fuga Domink Nitsche, con Robl e Haxton in corsa. Intanto l’evento#3 assegna il titolo di campione a Keith Lehr per 333.000 dollari. Il PLO dunque assiste alla rimonta dell’americano.

La prima volta dello short deck

La versione torneo dello Short Deck sbarca per la prima volta a Las Vegas. Il Poker Masters 2018 accoglie nell’evento#4 la variante che sta spopolando in tutto il mondo. In 55 hanno detto si al buyin di 10.000 dollari e così sono stati raccolti 550.000 dollari nel montepremi. In 8 finiscono “In the Money” e si va dai 22.000$ del mini-cash ai 176.000 bigliettoni riservati al campione. L’uomo bolla è Justin Young. Non basta A-A sul board K-J-A-8-9 visto che Andrew Robl mostra Q-10 per la scala. Raggiunti i premi servono altre due eliminazioni per stabilire l’official final table a sei giocatori. 

PM 2018: Dominik Nitsche vola nello Short Deck, Keith Lehr beffa tutti nel PLO
Dominik Nitsche

Il primo a mollare la presa è Jason Koon che parte avanti con A-7, ma finisce poi dietro al river vs K-10 di Ryan Tosoc. Il settimo classificato e bubble man del tavolo finale è invece Jonathan Depa le cui dame sono sorpassate da A-K di Nitsche. Proprio il tedesco è il leader assoluto nel count con 4.980.000 pezzi, vincendo la volata con Andrew Robl che si ferma a quota 4.865.000. Questi due players hanno fatto storia a se nel corso del day 1 e troviamo staccatissimo al terzo posto Ryan Tosoc con 3.025.000. Dovranno invece cambiare registro i vari Isaac Haxton (terzo final table in quattro eventi, 1.775.000), Maurice Hawkins (1.025.000) e Cary Katz (830.000 e al terzo ITM). 

Il count ufficiale

Name Nation Chipcount
Dominik Nitsche DE 4.980.000
Andrew Robl US 4.865.000
Ryan Tosoc US 3.025.000
Isaac Haxton US 1.775.000
Maurice Hawkins US 1.025.000
Cary Katz US 830.000

Adams altro crollo da leader 

Nel “$25.000 PLO” tutti gli occhi erano puntati su Brandon Adams. Dopo la vittoria nell’evento#2, il player americano fa in tempo a gettarsi nella mischia dell’evento#3 e addirittura stacca il pass per il final table da chipleader. Ma già come era successo nel final day dell’evento#1, getta al vento l’occasione per un clamoroso back to back e si arrende in quinta piazza per 74.000 dollari. Prima di lui era uscito di scena Dan Shak che incassa a sua volta 55.500$. 

Fuori dal podio ci resta anche Isaac Haxton. L’americano in totale ha conquistato tre tavoli finale, ma questo è il suo miglior risultato al Poker Masters 2018: riceve 92.500 bigliettoni. Terza piazza per Ben Yu (148.000) e così in heads up se la vedono due outsiders come Jonathan Depa e Keith Lehr. Quest’ultimo ha messo in piedi la grande rimonta e si presenta con un netto vantaggio sul rivale in termini di chips. Una contesa che si risolve in pochi minuti: Lehr è campione per 333.000 dollari. 

Il payout ufficiale

1 Keith Lehr United States $333.000
2 Jonathan Depa United States $222.000
3 Ben Yu United States $148.000
4 Isaac Haxton United States $92.500
5 Brandon Adams United States $74.000
6 Dan Shak United States $55.500

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here