News

Saint-Vincent: a febbraio il casinò fa un passo falso

0

Il Casinò di Saint-Vincent fa un passaggio a vuoto nel mese di febbraio, facendo segnare un clamoroso -24% nel bilancio mensile rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, e annullando di fatto lo stratosferico gennaio 2015. Il bimestre si chiude con un modesto +2%.

saint vincentCome per ogni cosa, dipende tutto da quale prospettiva si guarda, e non si sottrae a questa legge nemmeno il bilancio del casinò di Saint-Vincent. La casa da gioco della cittadina valdostana presenta un pessimo bilancio per il solo mese di febbraio, dove gli incassi, in rapporto allo stesso periodo del 2014, segnano un drastico -24%. Se però si allarga la visuale, allora si vede che il bilancio del primo bimestre, sempre riferito allo stesso periodo della passata stagione, è in positivo, seppur di poco, e porta un +2,12%. Leggermente meglio l’andamento degli incremento della quota di mercato del Saint-Vincent Resort che segna un 8,2% in più portando ad un totale del 10,57% per l’intera struttura.

L’analisi fatta dai gruppi consiliari Union Valdôtaine Progressiste, Alpe, Movimento 5 Stelle è rilasciata in una nota congiunta e dice:

Prendiamo atto con soddisfazione che finalmente i dati e l’andamento della Casa da gioco di Saint-Vincent saranno valutati passo a passo, come accade nelle migliori aziende che si avvalgono di veri piani industriali.Crediamo sia infatti questo l’obiettivo del comunicato stampa diffuso nei giorni scorsi dall’Azienda per annunciare al popolo valdostano che nei primi due mesi dell’anno i proventi sono in aumento di appena più del 2%».
Tralasciando per ora il dato sull’aumento dei ricavi dei servizi alberghieri desideriamo fare alcune considerazioni sui dati relativi alla sala da giochi: questi sono la vera chicca e lasciano intendere quanto la situazione, a lavori di ristrutturazione ultimati ed a programmazione marketing effettuata, sia ancora molto aleatoria e incerta. A gennaio 2015 si è registrato un grande exploit, vale a dire superato il tetto di 8 milioni di euro negli introiti che ha determinato un +22% rispetto al 2014: un super risultato che deriva, in particolare, dalla roulette francese. E febbraio? A febbraio gli introiti non hanno invece raggiunto quota 4 milioni di euro, segnando un -24% rispetto al 2014.

Ecco dunque da dove deriva questo stringato aumento, che è bene ricordare essere molto molto lontano dall’aumento degli introiti atteso per rispettare il piano quinquennale predisposto dall’Amministratore delegato per ottenere la sospirata ricapitalizzazione da 60 milioni di euro salva debiti. Aspettiamo marzo, anzi, l’approvazione urgente del bilancio 2014».

In realtà la situazione è ancora più preoccupante, infatti a poche ore di distanza il gruppo Alpe si toglie dalla Task Force politica istituita dal Consiglio regionale, riscontrando l’inutilità di tale sforzo:

«Mesi ed energie buttati al vento, il Casinò di Saint-Vincent è nelle mani di poche persone incapaci guidate a distanza.
E’ apparso fin dall’inizio che, al di là di qualche dato sulla situazione del personale, non c’era modo di avere accesso alle informazioni riguardanti la gestione vera e propria della Società: dalla rendicontazione della spesa dei quasi 100 milioni concessi dalla Regione per il suo rilancio alle mille voci di costo che incidono pesantemente sul bilancio (vedi forniture e servizi, consulenze, garette, ecc).  L’unica proposta certa che ci è stata sottoposta è quella riguardante il taglio del costo del personale, dirigenza esclusa, naturalmente».In conclusione «chi decide realmente del Casinò di Saint-Vincent non era seduto al tavolo della task force. Commercianti e albergatori di Saint-Vincent sappiano che i loro appelli non hanno fatto breccia né a livello di dirigenza della Saint-Vincent & Casinò né a livello politico».

Ora il futuro di tutta l’operazione è ancora più incerto e la stessa Task Force, privata di uno dei tre membri, potrebbe cessare l’esistenza, e questo potrebbe far nuovamente sprofondare il Saint-Vincent Resort & Casinò in quello stato di agitazione che solo pochi mesi fa ha reso difficoltoso il regolare svolgimento dei giochi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here