News

Sam Trickett al Daily Mirror: ‘partite high stakes troppo costose, i ladri 3 volte a casa mia’

0

Il noto tabloid inglese Daily Mirror si è concesso una lunga intervista con Sam Trickett. Il player britannico è uno dei top player mondiali e il suo nome è ben conosciuto anche al di fuori dei confini nazionali. Tanti gli argomenti affrontati, dalle pesanti partite high stakes in Asia, fino alle troppe visite dei ladri a casa sua. 

Ricco si, pazzo no

Sam Trickett è a tutti gli effetti uno dei giocatori più forti e vincenti al mondo. L’inglese infatti solo dal vivo vanta vincite lorde che si aggirano attorno ai 21 milioni di dollari. A questi poi vanno aggiunti altri successi con il poker online e allora sommando le due sfere, si arriva tranquillamente sopra il muro dei 25 milioni. Eppure come ha confessato al Daily Mirror, Sam non ama azzardare oltre modo nelle partite high stakes. Soprattutto in Asia. “Un tempo ero un assiduo frequentatore delle partite High Stakes. Ma erano partite sicuramente meno costose di adesso e con un field più alla portata. Adesso, specie a Macao o in altre zone dell’Asia non mi siedo più a questi tavoli. Sono diventati High Stakes impossibili per le mie tasche“. Una presa di posizione netta quella di Sam, che entra poi nel dettaglio di queste sfide. 

Sam Trickett al Daily Mirror: 'partite high stakes troppo costose, i ladri 3 volte a casa mia'
Sam Trickett

Le partite high stakes in Asia hanno raggiunto vette impossibili. A volte sul tavolo ballano anche 50 milioni di dollari in totale. Una follia. Non posso sedermi a questi livelli con il rischio di mandare all’aria un bankroll costruito con fatica in questi anni. Ci sono parecchi uomini d’affari o balene, per i quali perdere anche 10 milioni a sessione non è un problema. Per me invece sarebbe la fine. Vedo tanti colleghi che pur di sedersi, vanno oltre le loro possibilità e spesso escono malconci da queste sessioni“. Infine Sam Trickett svela un particolare che sanno in pochi. “Negli ultimi anni ho subito diverse rapine in casa da parte di ladri. Spesso quando io ero assente per dei tornei all’estero. Ma non hanno mai trovato soldi o grandi oggetti di valore. Rimane però la sensazione spiacevole e la paura che possa ancora capitare”. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here